Primo piano

  • Contship Italia punta sull’Egitto

    Contship Italia punta sull’Egitto

    La società terminalista ed Eurogate hanno firmato un accordo con l'Autorità portuale di Damietta per realizzare un nuovo terminal container, un retroporto e una ferrovia.  

Podcast K44

Normativa

La Francia rilancia sulla Torino-Lione


La Francia non fa un passo indietro sul progetto della nuova linea Torino-Lione, anzi, avanza senza indugi. La titolare del dicastero delle Infrastrutture (che Oltralpe reca il nome di ministero della Transizione Ecologica e Solidale) Elisabeth Borne ha firmato una decisione ministeriale indirizzata a Sncf Réseau. Con questo atto si chiede alla società delle ferrovie statali responsabile della rete di avviare subito un progetto di studio per mettere a punto gli investimenti necessari per realizzare la linea di accesso al nuovo tunnel di base del Moncenisio. Questo sia individuando eventuali tratte della ferrovia storica da modernizzare, sia con la realizzazione di tratte ex novo.
L'indirizzo governativo indica due tappe da percorrere. La prima: in attesa della realizzazione di nuove linee, Sncf Réseau elaborerà un progetto generale per la Digione-Modane in modo da individuare gli investimenti adatti a incrementare al più presto le prestazioni per tutti i trasporti, passeggeri e merci. Il significato di questa prima tappa non va confuso con la posizione degli avversari della nuova Torino-Lione che in Italia chiedono di intervenire sulla ferrovia esistente, abbandonando qualunque progetto di nuova linea. In sostanza, in Francia si pensa che non si può attendere il 2030, anno in cui si prevede di aprire all'esercizio il tunnel di base, senza fare nulla nel frattempo per valorizzare la modalità ferroviaria.
La seconda tappa è quella più proiettata in avanti nel tempo, ma non per questo meno significativa, anzi. Sncf Réseau dovrà mettere a punto un progetto sulle nuove tratte di accesso al tunnel internazionale. Dovrà studiare come programmare e realizzare i vari interventi per fasi funzionali in modo da aumentare la capacità di accesso al traforo di base secondo l'evoluzione prevedibile dei traffici. La decisione ministeriale non si ferma a questa precisa indicazione data alla società che sovrintende la rete ferroviaria francese. Sarebbe sufficiente questo, ma si vuole offrire anche una cornice politica di garanzia.
Un comitato direttivo, sotto la guida del Prefetto regionale e coinvolgendo le comunità locali, controllerà l'attuazione del programma di studio di Sncf Réseau. Non deve sfuggire il significato di questa scelta, in quanto sono gli amministratori e i politici locali quelli che più hanno fatto pressione sul governo centrale perché non si rinunciasse a realizzare la linea di accesso al tunnel di base, seppur per fasi funzionali. Tutto questo quando sembrava che la nuova tratta tra Lione e Saint-Jean-de-Maurienne fosse rinviata in uno scenario temporale post 2030.
Accanto al comitato direttivo ora costituito, era già previsto un osservatorio permanente per monitorare la saturazione delle attuali linee di accesso. Elisabeth Borne ha anche stabilito una precisa tempistica. Nell'estate del 2019 dovrà essere presentato un primo report su quanto si intende fare. Quella data, casualmente, coinciderà anche con il termine dei lavori di scavo dei primi nove chilometri di tunnel di base a Saint-Martin-la-Porte.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Mare

  • Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia il rinvio all’Avvocatura di Stato del dossier sulla fusione tra i terminal container di Psa Pra’ e Sech, dopo non avere ricevuto una risposta dal ministero dei Trasporti.