Primo piano

  • Le priorità degli spedizionieri in Europa

    Le priorità degli spedizionieri in Europa

    Clecat, l'associazione europea degli spedizionieri e degli operatori logistici, ha pubblicato un elenco di priorità alla Commissione Europea utili a migliorare la competitività del trasporto merci nei prossimi cinque anni.  

Podcast K44

Normativa

La galleria del Brennero tutta appaltata entro il 2019


Per una volta tanto l'Italia non rischia di fare brutta figura o di essere richiamata per i ritardi nel programmare e finanziare un'opera pubblica condivisa con altri partner. Stiamo parlando del tunnel di base del Brennero. I cantieri per realizzare le opere civili sono aperti e in avanzata fase di costruzione lungo tutta la tratta italiana. Non così in territorio austriaco dove manca ancora un tassello per poter dire che tutta la galleria transfrontaliera è interamente cantierata. Ma ci sarà modo di rimediare. Entro la fine del 2019 saranno appaltati gli ultimi lavori in Austria del valore tra i 700 e gli 800 milioni di euro. Lo ha anticipato Raffaele Zurlo, amministratore di parte italiana del Brenner Basistunnel (BBT SE) in occasione del World Tunnel Congress a Napoli (3-9 maggio 2019).
Una volta aperti questi ultimi cantieri si potrà dire che il tunnel di base del Brennero si avvia a diventare realtà, nel senso che la montagna sarà interamente scavata e percorribile con mezzi da cantiere per tutta la sua lunghezza di oltre 50 km. Poi tra la fine del 2020 e l'inizio del 2021 ci sarà la svolta dal punto di vista costruttivo nel senso che saranno appaltati i lavori che riguardano l'attrezzaggio tecnologico dell'intera opera, per un valore stimato tra 1,5 e 2 miliardi di euro. A fine aprile 2019 dei 230 km complessivi di tunnel tra gallerie principali e cunicoli di servizio e soccorso erano stati scavati 100 km.
Attualmente sono operativi quattro cantieri: due su suolo italiano e due in territorio austriaco. Nel frattempo sono state completate alcune opere in Austria e precisamente il cunicolo di soccorso a servizio dell'esistente galleria di circonvallazione merci di Innsbruck, i raccordi tra il nuovo tunnel di base e la stessa circonvallazione insieme alla fermata di emergenza della capitale del Tirolo austriaco, mentre manca pochissimo a terminare i 15 km del cunicolo esplorativo che parte dalla fermata di emergenza.
A buon punto anche i lavori sul fronte Italia con il lotto indicato come "sottoattraversamento Isarco", il più meridionale della grande opera. In questa tratta è stato sfondato, è proprio il caso di dire, il portale di Fortezza dando la percezione anche visiva del futuro accesso lato Italia del tunnel di base. Sempre a proposito dei lavori in Italia, avviato nel 2016 il lotto Mules 2-3 è il principale della galleria di base (per un valore di 993 milioni di euro) con quasi 40 km di tunnel vero e proprio (19% l'avanzamento lavori a maggio 2019), 15 km di cunicolo esplorativo (avanzamento 33%) e 7 km di gallerie di sicurezza. In Austria invece, oltre ai lavori lato Innsbruck, già visti prima, c'è il cantiere di Pfons, l'ultimo a essere avviato solo alla fine dell'autunno 2018 e quindi con percentuali di avanzamento estremamente ridotte. Salvo ritardi legati alla natura geologica delle tratte ancora da scavare, si prevede di completare tutti i lavori entro il 2027 con l'ipotesi di rendere percorribile il tunnel di base nel 2028.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Mare

  • Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia il rinvio all’Avvocatura di Stato del dossier sulla fusione tra i terminal container di Psa Pra’ e Sech, dopo non avere ricevuto una risposta dal ministero dei Trasporti.