Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Romania vuole chiarimenti sul nuovo riposo autisti

    Romania vuole chiarimenti sul nuovo riposo autisti

    Il 20 agosto 2020 entrerà in vigore il primo Regolamento della riforma europea dell’autotrasporto e l’associazione degli autotrasportatori rumena Untrr chiede all’UE chiarimenti sul rientro degli autisti.

Podcast K44

Normativa

Dimezzati i treni sotto il vecchio Frejus


Il Frejus ferroviario diventa un valico sempre più stretto da percorrere. Oltre a essere poco competitivo perché limita la capacità di carico e richiede costose trazioni multiple, deve fare i conti con la sicurezza. E con norme sempre più stringenti. Il comitato tecnico di sicurezza, costituito all'interno della Commissione intergovernativa per la Torino-Lione ha approvato nella seduta dell'11 dicembre 2019 un ulteriore giro di vite rispetto all'attuale operatività della vecchia galleria ottocentesca, delibera che sarà notificata ai gestori della rete ferroviaria comune tra Italia e Francia.
Attualmente il tunnel del Frejus può essere percorso da 91 treni al giorno con alcune limitazioni in quanto non dispone né di una galleria di sicurezza né di vie di fuga. Per questo motivo, per evitare rischi, viene escluso l'incrocio in galleria tra un treno merci e uno passeggeri anche se, ovviamente, vanno in direzione opposta. Con le nuove regole non saranno più possibili gli incroci, indipendentemente dalla tipologia di treni. In pratica è come se il tunnel si trasformasse in una linea a singolo binario. La capacità quindi precipita a 46 treni al giorno, rendendo di fatto satura la tratta.
Non sarà quindi possibile aggiungere altri treni rispetto ai pochi che oggi circolano, perché non ci sono più tracce orario libere. Tradotto in numeri significa una potenzialità di circa 30 treni merci al giorno, un numero irrilevante rispetto alla domanda di trasporto lungo il corridoio Italia-Francia percorso ogni anno da tre milioni di Tir.
La decisione, motivata da ragioni di sicurezza, suona quasi come una pietra tombale sulla vecchia ferrovia, rendendo sempre più pressante l'esigenza di disporre di una nuova linea ad alta capacità. Tanto per fare un confronto, sotto il San Gottardo transitano fino a 160 treni al giorno e una volta conclusi i lavori sul corridoio svizzero con l'apertura del Ceneri nel dicembre 2020 e l'adeguamento della sagoma sull'intera direttrice nord-sud si potrà arrivare a 260 treni merci al giorno. Se gli stessi interventi fossero attuati sia a sud verso l'Italia sia in Germania, la potenzialità potrebbe arrivare addirittura a 400 treni.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Albo Autotrasporto chiarisce su contributi per Covid-19

    Albo Autotrasporto chiarisce su contributi per Covid-19

    Il Comitato centrale dell’Albo degli Autotrasportatori ha pubblicato sul sito web alcuni chiarimenti sul bando che fornisce contributi per le spese delle imprese di autotrasporto relative ai dispositivi di protezione e alla sanificazione contro il coronavirus.

Logistica

  • Riprende trattativa del Ccnl Trasporto e Logistica

    Riprende trattativa del Ccnl Trasporto e Logistica

    Dopo una lunga pausa causata dalla pandemia di Covid-19, riprendono le trattative tra sindacati e rappresentanti delle imprese per rinnovare il contratto nazionale Logistica, Trasporto merci e Spedizione, scaduto nel 2019.

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.