Array ( [0] => 16 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Anita chiede azzeramento del Sistri


L'incontro al ministero dell'Ambiente era stato espressamente chiesto dall'Anita per affrontare direttamente con questo ministero il problema del Sistri, "una vicenda che si trascina da anni nonostante l'acclarato fallimento e che costringe ancora le aziende del settore ad applicare procedure farraginose e sostenere costi per il versamento del contributo annuale e per adempiere agli obblighi di sperimentazione", scrive l'associazione in una nota.
Il presidente di Anita, Thomas Baumgartner, spiega che negli altri Paesi europei le aziende adempiono all'obbligo di tracciabilità dei rifiuti, imposto dall'Unione Europea, con sistemi più semplici e funzionali rispetto al nostro. "Ciò causa alle imprese italiane una perdita di quote di mercato anche in questo campo", precisa Baumgartner.
Anita rileva che non si può tracciare i rifiuti solamente nella fase del trasporto e "con strumenti obsoleti ed installati esclusivamente sulla motrice del camion". Anita chiede quindi "un sistema di tracciabilità completamente diverso dal Sistri, che rappresenti un valore aggiunto per le imprese e risponda alle norme comunitarie, garantendo che i rifiuti prodotti vengano correttamente smaltiti, nel pieno rispetto delle esigenze di tutela ambientale, così come avviene in Francia, in Spagna e in Germania".
L'associazione propone di controllare i flussi dei rifiuti tramite la digitalizzazione degli attuali formulari per rilevare il trasporto, dei registri di carico e scarico per rilevare la produzione e la gestione e della dichiarazione annuale MUD, usata per fini statistici e di controllo. L'Albo Gestori Ambientali deve svolgere il ruolo d'interlocutore unico per chiunque voglia operare nel settore del trasporto e della gestione dei rifiuti sul territorio nazionale, compresi gli operatori esteri.
"È giunto il momento di chiudere definitivamente l'esperienza Sistri con un provvedimento normativo che sancisca la decadenza dei relativi obblighi, compresa l'attuazione in via sperimentale delle procedure e ci aspettiamo la sospensione del versamento del contributo annuale fino a quando non sarà chiaro e definito un sistema funzionale e più coerente". ha concluso il Presidente di Anita.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 videocast: il cronotachigrafo nel Primo Pacchetto Mobilità

    K44 videocast: il cronotachigrafo nel Primo Pacchetto Mobilità

    Tra le principali innovazioni adottate dal Primo Pacchetto Mobilità alcune riguardano il cronotachigrafo e le norme sul riposo degli autisti, che potranno cambiare l’autotrasporto internazionale in termini di costi e organizzazione. Ne parla questo episodio del videocast K44 Risponde.

Logistica

  • Prosegue la vertenza sul contributo postale

    Prosegue la vertenza sul contributo postale

    Il Tar del Lazio ha respinto gli ultimi ricorsi delle associazioni del trasporto avevano intrapreso contro l’Agenzia delle Comunicazioni e il ministero dello Sviluppo Economico sui servizi postali. Sette di loro hanno scritto alla ministra dei Trasporti.

Mare

  • Moby cerca aiuto nei fondi d’investimento

    Moby cerca aiuto nei fondi d’investimento

    Il 28 ottobre scade il termine entro cui Moby deve presentare il piano concordatario, ma è probabile un rinvio perché la compagnia marittima sta dialogando con alcuni fondi d’investimento.