Array ( [0] => 16 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Battezzato il Rentri, l’erede del Sistri

Il Sistri, ossia il sistema telematico di tracciabilità dei rifiuti la cui vicenda si è trascinata per anni senza alcun risultato concreto, è ben stampato nella memoria degli autotrasportatori di rifiuti perché, pur non essendo mai diventato operativo, è costato complessivamente qualche milione di euro alle imprese, tra acquisto e montaggio delle scatole nere e delle pennette usb e pagamento del contributo annuale. Poi lo Stato si è arreso e il Sistri è stato definitivamente abrogato dal 1° gennaio 2019 (con strascichi giudiziari verso la società che doveva crearlo e gestirlo), con l’intenzione di generare un suo erede, in teoria più semplice, denominato “Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti”.

Questo erede è stato istituito formalmente dal Decreto Legge 135/2018, ma in realtà se ne sono pere le tracce, almeno fino al 5 maggio 2020, quando è stato citato in un documento dal nome intricato di “Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva (UE) 2018/851, che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti, e della direttiva(UE) 2018/852, che modifica la direttiva 1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio (Atto 169)”. Al comma 14 dell’articolo 1 appare appunto questo registro, che è battezzato con l’acronimo Rentri.

Il testo in discussione alla Camera riprende i principi di base del Rentri stabiliti dalla Legge 135/2018, tra cui la sua gestione diretta da parte del ministero dell’Ambiente. Sono previste due sezioni: Anagrafica con i dati dei soggetti iscritti e Tracciabilità, che comprenderà i dati dei registri di carico e scarico e del formulario, inviati dalle imprese in forma telematica. Per ora è tutto teorico, perché prima bisogna approvare la Legge in discussione alla Camera, poi i Decreti attuativi del Rentri, per i quali non esiste alcun termine temporale. Nel frattempo si continua ad applicare le attuali procedure adottate nel 1998, ossia i tradizionali registri di carico e scarico, i formulari di trasporto e il Mud.

Attenzione, però: le imprese dovranno versare un contributo annuale per il Rentri, secondo quanto previsto dal Decreto Legge 135/2018 e il testo precisa che il pagamento deve iniziare proprio nel 2020. Ma anche in questo, la questione è per ora solo teorica, perché manca il relativo Decreto attuativo.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.