TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Riapre la ferrovia tra Torino e Modane

E-mail Stampa PDF

Il 23 luglio 2019 ha riaperto la linea ferroviaria tra Italia e Francia, che era stata chiusa sul versante francese nella notte tra il 2 e il 3 luglio. Livio Ambrogio spiega i problemi rilevati nel trasporto delle merci.


AFA Torino Lione treno viaggioNella notte tra il 2 e il 3 luglio le forti piogge hanno causato una grande frana vicino a Saint-Michel-de-Maurienne, che ha travolto la linea ferroviaria che collega Torino con Modane, quindi, con il resto della Francia. Da allora la circolazione dei treni passeggeri e merci è stata chiusa e sono stati necessari venti giorni di lavoro per riattivarla. Un fermo che ha causato problemi e costi supplementari al trasporto delle merci, sia quello convenzionale, sia l'intermodale, sia l'autostrada ferroviaria tra Orbassano e Lione. Manca, infatti, una valida alternativa su rotaia a questa linea e le merci sono passate alla strada.
Ne parla il trasportatore intermodale Livio Ambrogio, che gestisce diversi treni sulla linea Torino-Modane: "Trovare un'alternativa ferroviaria per il nostro traffico tra Candiolo (Torino) e la Spagna non è stato possibile. Con uno sguardo alla cartina, si potrebbe pensare che esistano diversi altri collegamenti per le merci (come ad esempio Ventimiglia o la Svizzera), ma in realtà, a causa di limiti strutturali delle linee secondarie, l'unica alternativa verso Francia e Spagna, in assenza del Frejus, è il transito svizzero fino a Basilea, da cui proseguire a Nord fino a Metz-Parigi. In seguito all'interruzione della linea storica del Frejus a inizio luglio, abbiamo valutato questa alternativa, ma è risultata impraticabile a causa delle lunghe tempistiche e soprattutto dei costi, che possono arrivare fino al doppio del costo abituale del treno".
Una situazione che spinge Ambrogio ad auspicare la costruzione della galleria di base: "Questo incidente ha avuto un impatto notevole in termini operativi ed economici e conferma, ove fosse ancora necessario, la primaria importanza della nuova linea Torino-Lione, per efficientare quello che rimane, dai tempi di Annibale, il principale valico attraverso le Alpi Occidentali. Con il 70% di export italiano rappresentato dall'interscambio con l'Europa, l'attraversamento efficiente e sostenibile dell'arco alpino è elemento indispensabile per l'economia del nostro Paese".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 875

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed