Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • La Romania vuole reclutare autisti in Asia

    La Romania vuole reclutare autisti in Asia

    Il Governo rumeno si sta muovendo per reclutare autisti di veicoli industriali in alcuni Paesi asiatici e per fornire loro la Carta di qualificazione del conducente tramite esami in inglese e spagnolo.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Le imprese portuali si oppongono ala fusione Psa-Sech


    A Fise Uniport, l'associazione nazionale delle imprese portuali, la notizia della possibile fusione fra i due principali terminal container di Genova e del Nord Tirreno, vale a dire Sech e Psa Genova Prà (ex Vte), non piace ed è decisa a ostacolarne la sua formalizzazione ricorrendo alle vie legali. Lo annuncia Federico Barbera, presidente dell'associazione delle imprese portuali italiane, che conferma di aver presentato (tramite lo studio legale Moroni di Roma) "una diffida ad agire all'Autorità di Sistema Portuale", intimandole di non avallare questa operazione, e contestualmente "una richiesta d'intervento all'Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato". Prima di loro era stato Gianluigi Aponte, patron del gruppo Msc, a scrivere una lettera all'Autorità portuale guidata da Paolo Emilio Signorini, evidenziando i rischi di un'eccessiva concentrazione di mercato per effetto di questa unione.
    Fise Uniport non vede di buon occhio un accorpamento fra le due società genovesi "perché si verrebbe a verificare una fusione degli unici due terminal che hanno pescaggi sufficienti per le grandi navi e questo porterebbe una sorta di cartello o comunque un monopolio su questo singolo traffico. L'operazione avrebbe una rilevanza non solo su Genova ma anche a livello nazionale perché un evento di questo genere, soprattutto con due operatori di tale valore, evidentemente avrebbe una risonanza che potrebbe essere esportata come modello". Barbera poi aggiunge: "È bene che lo Stato, sia tramite l'Asp sia l'Antitrust, in qualche modo intervenga e dica cosa vuole fare. Deve decidere. Ma le regole non possono in qualche maniera essere aggirate con delle situazioni le cui ricadute vanno poi a impattare su tutto il territorio nazionale. La situazione dei porti in Italia è di un equilibrio talmente precario che qualsiasi cosa la può cambiare e far diventare un problema vero. Il sistema ha bisogno di una rivisitazione globale di tutte le norme che in qualche maniera sono in contrasto".
    Il presidente delle imprese portuali italiane conclude: "Come Uniport siamo sempre stati di un'opinione, anche a proposito dell'ultima riforma portuale (quella del 2016, ndr): che una riforma fatta di micro sistemi e non inserita in un macrosistema è solo una situazione di potentati che non hanno nessun senso. Quello che manca è un Piano della portualità con lo Stato che faccia lo Stato. Noi non vogliamo decidere le regole, noi discutiamo sulle regole che ci sono e vorremmo che lo Stato facesse la stessa cosa". Posto che, secondo i proponenti l'affare, non ci sono i presupposti per un coinvolgimento dell'Antitrust perché la fusione non supererebbe le soglie d'allarme né di fatturato né di quote di mercato, la questione ruota soprattutto intorno al divieto di detenere due concessioni nello stesso porto previsto dall'articolo 18 comma 7 della Legge 84/1994. A proposito del rischio di concentrazione nel mercato del terminalismo portuale conseguente alla fusione Sech-Psa, Gilberto Danesi, amministratore delegato di Psa in Italia, recentemente si era mostrato tranquillo spiegando: "Ci sono tanti altri accentramenti in Italia, non credo possano esserci problemi per noi se non ci sono stati in passato per altri".
    Il riferimento implicito è ad esempio all'affare che porterà Msc a rilevare il 49% del Gruppo Messina che controlla il terminal Imt in porto a Genova, dove anche la compagnia di navigazione svizzera detiene al 100% la banchina sorta su Calata Bettolo. L'Antitrust italiano ha da pochi giorni dato il suo via libera a questa operazione nonostante abbia riconosciuto il controllo congiunto dei due soci sul gruppo oggetto di acquisizione e quindi sul relativo terminal portuale. Anche per questo il presidente dell'Autorità portuale spiega di aver "chiesto al Ministero dei Trasporti come dover interpretare, se in maniera restrittiva o estensiva, l'articolo 18 comma 7". Quindi la palla è passata nelle mani del dicastero romano guidato da Paola De Micheli, il quale a sua volta pare intenzionato, se già non l'ha fatto, a rinviare la questione al Consiglio di Stato per avere un parere sull'interpretazione della materia.

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    La Commissione Europea ha diffuso uno studio che mostra come l’obbligo di rientro in sede dei camion che svolgono autotrasporto internazionale dopo otto settimane, previsto dal Primo Pacchetto Mobilità, può aumentare l’impatto ambientale del trasporto. Vero problema o manovra politica per modifiche? Ne parla Paolo Cesaro in questo podcast di …

Mare

  • I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I due principali porti container del Belgio, Anversa e Zeebrugge, si fondono per offrire un'unica entità al trasporto globale di container. Nel 2020 hanno movimentato 13,8 milioni di teu, più del traffico dell’intera portualità italiana e vicino a quello di Rotterdam.

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Due viceministri e un sottosegretario ai Trasporti

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno

LOGISTICA

Supermulta da 773 milioni e denunce a quattro società per i rider

LOGISTICA

Fercam apre da remoto una filiale in Svezia

LOGISTICA

Sindacati interrompono negoziato su Ccnl Logistica e Trasporto
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider