Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Torna la mobilitazione dell’autotrasporto siciliano


Le riunioni al ministero dei Trasporti e alla Regione Sicilia dei giorni scorsi non hanno prodotto alcun provvedimento concreto per limitare i danni causati agli autotrasportatori siciliani (ma anche a quelli sardi) dall'aumento delle tariffe dei traghetti applicato dall'inizio di gennaio dalle compagnie marittime per affrontare i maggiori costi della Imo Sulphur Cap. Quindi, dopo quasi un mese di tregua, le associazioni siciliane Aias e Aitras hanno annunciato la ripresa dell'agitazione. L'Aitras ritiene "ingiusta e discriminante" la mancata convocazione a Roma delle associazioni locali, oltre a evidenziare che da tale riunione non sono emerse soluzioni. Quindi l'associazione ha organizzato un sit-in con volantinaggio allo svincolo di Tremonzelli dell'autostrada Catania-Palermo per il 29 gennaio.
L'Aias ha invece annunciato il blocco dei porti siciliani per cinque giorni, dal 13 al 18 febbraio, con presidi negli scali di Palermo, Messina e Catania e nei principali nodi stradali dell'isola. Alla vertenza sulla autostrade del mare, le due associazioni aggiungono quella sulle autostrade d'asfalto e in particolare contro l'interruzione della A19 Palermo-Catania a causa delle precarie condizioni del viadotto Cannatello, che impone ai camion una lunga deviazione su viabilità ordinaria, anch'essa in cattive condizioni. Lo scorso 15 gennaio si è creata su tale viabilità una coda di cinquanta camion rimasti fermi per ore a causa di un veicolo andato fuori strada.
La protesta degli autotrasportatori siciliani potrebbe essere disinnescata dal secondo incontro al ministero dei Trasporti, programmato per il 31 gennaio 2020. Anche in questo caso la ministra Paola De Micheli ha convocato le associazioni nazionali, ma non quelle siciliane e queste ultime chiedono di partecipare alla delegazione dell'autotrasporto. "Se non saremo convocati, ritorneremo ai blocchi stradali", annuncia l'Aitras.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Nel giro di pochi giorni la Polizia ha scoperto due autisti di veicoli industriali, a Brescia e a Novara, che viaggiavano con patenti e documento d’identità falsi. Un fenomeno di cui non si conoscono ancora i contorni, ma per pochi euro si può acquistare un documento online.

Logistica

  • Arriveranno in Europa i camion a idrogeno  Hyzon

    Arriveranno in Europa i camion a idrogeno Hyzon

    Con un tweet diffuso l’11 luglio, l'imprenditore olandese Max Holthausen ha annunciato la nascita della filiale europea del costruttore statunitensi di veicoli industriali elettrici alimentati a idrogeno Hyzon Motors. Produrrà camion a celle combustibili con cabina Daf.

Mare

  • La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    Aumentano le adesioni al comitato Salviamo Genova e la Liguria, che riunisce le associazioni del trasporto merci che ruotano intorno allo scalo ligure e che il 22 luglio viaggeranno verso Roma per sollecitare soluzioni al caos viabilistico. Spediporto valuta danni per un miliardo di euro.