Array ( [0] => 11 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Il cargo aereo ai tempi del coronavirus

Il coronavirus comprime sempre più il trasporto aereo delle merci. Un primo colpo è venuto dalla sospensione dei voli passeggeri, che ha portato una sostanziale riduzione anche dei traffici belly, ma ne risente alche il trasporto con apparecchi full frieght perché alcune compagnie, tra cui per esempio la Lufthansa, hanno riorganizzato orari e rotte. Anche l’Italia sta subendo le conseguenze di questa situazione, nonostante il Governo abbia escluso gli aerei cargo dalla sospensione dei voli da e per la Cina. La settimana scorsa, l’associazione degli agenti Anama ha scritto una nota per denunciare che nonostante il permesso di decollo e atterraggio, i collegamenti per la Cina non hanno ripreso la frequenza del periodo precedente all'epidemia. Perciò l’Anama ha chiesto alla federazione internazionale Fiata di tenere sotto controllo la situazione, anche per quanto riguarda i surcharge sulle spedizioni rimaste bloccate negli scali per la sospensione o riduzione dei voli.

La situazione attuale appare come una (relativa) calma prima della tempesta. La riduzione di stiva è per ora compensata dalla riduzione della domanda di trasporto, perché il coronavirus ha ridotto il flusso delle merci in uscita dalla Cina. Ma l'emergenza non potrà durare a lungo e le fabbriche cinesi riapriranno progressivamente. Allora potrà scatenarsi la tempesta sulla supply chain, perché la domanda di trasporto aereo supererà di molto l'offerta di stiva e qualche analista stima che quando i flussi torneranno alla normalità i noli aerei potrebbe balzare fino al 300-400%. Ma nella migliore delle ipotesi, la produzione cinese non tornerà a pieno ritmo prima di aprile.

Un altro fronte su cui le compagnie si stanno impegnando è la protezione degli equipaggi che volano in Cina dall’epidemia. Le principali compagnie cargo – come Atlas Air, Lufthansa, Ups – hanno reso volontario il servizio sulle rotte che toccano la Cina. Al personale viaggiante che decide di volare in Cina, le compagnie stanno fornendo un kit per la prevenzione, che comprende maschere filtranti e disinfettanti, oltre a provvedere alla disinfezione nelle aree di sosta degli aerei. Un’altra misura di prevenzione in Cina è il controllo della temperatura corporea degli addetti a terra e dei fornitori esterni che operano nelle cargocity. Inoltre, si cerca di evitare il pernottamento degli equipaggi nelle città città cinesi.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

  • Amazon fa sul serio sulla guida autonoma dei veicoli

    Amazon fa sul serio sulla guida autonoma dei veicoli

    Il colosso dell’e-commerce Amazon ha acquistato la giovane società specializzata nella progettazione di veicoli a guida autonoma Zoox per sviluppare l’automazione nella logistica e nelle distribuzione nell’ultimo miglio.

Mare

  • Cosco si allontana dal caos di Genova

    Cosco si allontana dal caos di Genova

    Anche la mattina del 3 luglio si registrano code chilometriche nel nodo autostradale di Genova, ma anche in città, con 20 km di coda da Sampierdarena ad Arenzano. Cosco consiglia i clienti di non inviare container nel porto ligure.