Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Prezzi dei container sono raddoppiati in un anno

    Prezzi dei container sono raddoppiati in un anno

    Un rapporto di Drewry mostra che in un anno il prezzo dei container per prodotti secchi è raddoppiato, superando la soglia dei 6500 dollari. Ma ora potrebbe iniziare la discesa. Aumenteranno invece quelli dei refeer e dei tank.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Allarme degli industriali sul caro-noli container

    “Quello che porto è un messaggio di forte preoccupazione del sistema industriale per una condizione d’incertezza che sta diventando insostenibile”: con queste parole ha infatti concluso il suo intervento Giuseppe Mele, direttore Coesione territoriale, infrastrutture e trasporti di Confindustria in occasione di un convegno organizzato da Animp per affrontare il delicato tema dell’andamento anomalo dei noli marittimi e del relativo impatto sulla filiera dell’impiantistica. In particolare, il rappresentante degli industriali ha messo in evidenza il fatto che nel sistema associativo la questione dei noli marittimi “sta ora diventando esplosiva e si sta sovrapponendo al deciso incremento dei prezzi delle materie prime”. Un misto preoccupante che impone agli industriali di trovare delle soluzioni o quantomeno delle contromisure nel più breve tempo possibile.

    Mele ha sottolineato come “questo andamento dei noli marittimi rischia di coinvolgere la stessa geografia economica globale. Il nostro export rischia di essere non solo meno competitivo ma anche di essere sostituito da forniture ‘di prossimità’. La riduzione della nostra competitività commerciale coinvolge inevitabilmente trasporto marittimo e spedizioni nazionali”. Secondo il rappresentante di Confindustria, servirebbe “un approccio di sistema-Paese, basato su una maggiore collaborazione tra domanda manifatturiera, trasporto marittimo e spedizioni. Come?”.

    Mele ha ancora spiegato che da novembre “c’è stata una crescita sensibile delle segnalazioni delle nostre rappresentanze territoriali e di categoria sulla crescita dei prezzi e dell’incertezza sulla disponibilità dei noli marittimi”. Le segnalazioni parlano di “costi insostenibili e spiazzamento competitivo delle nostre esportazioni”, e di “improvvide disdette e difficoltà di nuove disponibilità di spedizione” e “rischi di penali per ritardata o mancata consegna”.

    Il futuro prossimo non promette nulla di buono, perché Mele ha riportato come “le aspettative moderatamente positive per il 2021 rischiano di essere riviste al ribasso, data l’importanza dell’export (ma anche dell’import) per la nostra economia”. Durante lo stesso webinar Alessandro Pitto, presidente dell’associazione genovese degli spedizionieri Spediporto e vicepresidente della federazione nazionale Fedespedi, ha elencato alcune raccomandazioni per muoversi nel “new normal”. Sono queste: “Prepararsi a pagare più degli anni scorsi per le spedizioni (ma meno delle rate di nolo spot attuali); prevedere i volumi da trasportare il più precisamente possibile; negoziare space allocations in anticipo; valutare di tenere una parte dei volumi sul mercato spot perché in questo momento i contratti sono quotati ai noli più alti di sempre; spostare parte dei volumi su contratti premium; suddividere il rischio (carriers, routings, container vs break bulk); appoggiarsi a uno spedizioniere professionale”.

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 videocast, arriva controllo remoto del cronotachigrafo

    K44 videocast, arriva controllo remoto del cronotachigrafo

    Da giugno 2019 i veicoli industriali di prima immatricolazione devono montare i cronotachigrafi intelligenti che hanno nuove funzioni tra cui la trasmissione in remoto di 19 parametri dell’apparecchio. E ad agosto 2023 arriverà la seconda generazione. Spiega questa evoluzione il nuovo episodio del videocast K44 Risponde.
FedEx sperimenta camion autonomo negli Usa

TECNICA

FedEx sperimenta camion autonomo negli Usa
Carenza microchip colpirà quasi otto milioni di veicoli

TECNICA

Carenza microchip colpirà quasi otto milioni di veicoli
Nuovi pneumatici Goodyear per veicoli industriali

TECNICA

Nuovi pneumatici Goodyear per veicoli industriali
K44 videocast, nella cabina allungata dei nuovi Daf

TECNICA

K44 videocast, nella cabina allungata dei nuovi Daf
K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion

TECNICA

K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion
previous arrow
next arrow
Sciopero trasporto e logistica l’11 ottobre 2021

LOGISTICA

Sciopero trasporto e logistica l’11 ottobre 2021
Rhenus Italia potenzia le spedizioni con il Project

LOGISTICA

Rhenus Italia potenzia le spedizioni con il Project
Amazon aumenta il salario d’ingresso nella logistica

LOGISTICA

Amazon aumenta il salario d’ingresso nella logistica
Amazon potrebbe aumentare le retribuzioni

LOGISTICA

Amazon potrebbe aumentare le retribuzioni
Luigi Merlo confermato alla presidenza di Federlogistica

LOGISTICA

Luigi Merlo confermato alla presidenza di Federlogistica
previous arrow
next arrow
Da ottobre passaporto per GB anche per gli autisti

BREXIT

Da ottobre passaporto per GB anche per gli autisti
Cresce la tensione tra autotrasporto e Governo in Gran Bretagna

BREXIT

Cresce la tensione tra autotrasporto e Governo in Gran Bretagna
BP raziona il carburante per carenza autisti camion

BREXIT

BP raziona il carburante per carenza autisti camion
Londra rinvia alcuni controlli doganali al 2022

BREXIT

Londra rinvia alcuni controlli doganali al 2022
Aumentano le retribuzioni dei camionisti britannici

BREXIT

Aumentano le retribuzioni dei camionisti britannici
previous arrow
next arrow
K44 videocast, arriva controllo remoto del cronotachigrafo

CAMIONSFERA

K44 videocast, arriva controllo remoto del cronotachigrafo
Cresce la tensione tra autotrasporto e Governo in Gran Bretagna

CAMIONSFERA

Cresce la tensione tra autotrasporto e Governo in Gran Bretagna
Carenza microchip colpirà quasi otto milioni di veicoli

CAMIONSFERA

Carenza microchip colpirà quasi otto milioni di veicoli
Allarme di Conftrasporto, mancano autisti per container

CAMIONSFERA

Allarme di Conftrasporto, mancano autisti per container
Retromarcia di Londra sui visti per camionisti stranieri

CAMIONSFERA

Retromarcia di Londra sui visti per camionisti stranieri
Consiglio Nazionale Svizzera approva la metropolitana delle merci

CAMIONSFERA

Consiglio Nazionale Svizzera approva la metropolitana delle merci
Conftrasporto chiede deroghe al Green Pass per gli autisti

CAMIONSFERA

Conftrasporto chiede deroghe al Green Pass per gli autisti
Sentenza europea su infrazioni al cronotachigrafo emesse in altri Stati

CAMIONSFERA

Sentenza europea su infrazioni al cronotachigrafo emesse in altri Stati
Il Green Pass per il trasporto è Legge

CAMIONSFERA

Il Green Pass per il trasporto è Legge
Canada cerca oltre ventimila camionisti

CAMIONSFERA

Canada cerca oltre ventimila camionisti
Divieto notturno in Austria è fuori dalle regole UE

CAMIONSFERA

Divieto notturno in Austria è fuori dalle regole UE
Nuova tappa per il corridoio ferroviario del Kosovo

CAMIONSFERA

Nuova tappa per il corridoio ferroviario del Kosovo
Il traforo ferroviario del Frejus è superato, lo dicono i numeri

CAMIONSFERA

Il traforo ferroviario del Frejus è superato, lo dicono i numeri
UE vuole l’alternativa alla Via della Seta

CAMIONSFERA

UE vuole l’alternativa alla Via della Seta
Scavi record sulla tratta sud del Brennero, ma la fine lavori si allontana

CAMIONSFERA

Scavi record sulla tratta sud del Brennero, ma la fine lavori si allontana
previous arrow
next arrow