Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Ministero Sviluppo sigla accordo su Artoni


La firma del ministero dello Sviluppo Economico dell'accordo sulla cessione stabilita da commissario straordinario alla cordata formata da Fercam e Prelios è un passo fondamentale per risolvere il nodo del passaggio del personale e degli asset di Artoni, che dovrebbe portare le risorse per rifondere, almeno in parte, i creditori del Gruppo emiliano. Il testo ministeriale arriva dopo la firma dell'intesa sul trasferimento di una parte dei dipendenti Artoni a Fercam, avvenuta l'8 marzo tra l'azienda altoatesina e i sindacati. Per suggellare l'intera operazione manca solo la firma sul rogito per il cambio di proprietà degli immobili. Il fondo Prelios s'impegna ad acquistare otto immobili intestati ad Artoni Trasporti e quattordici ad Artoni Group, mentre Fercam ne acquista quattro di Artoni Group e due di Artoni Trasporti.
L'accordo dell'8 marzo sul personale prevede l'assunzione in Fercam di 52 ex dipendenti di Artoni, mantenendo le attuali condizioni di lavoro e di retribuzione. 46 persone devono essere impiegate entro un raggio di 125 chilometri dalla filiale in cui attualmente operano, sotto forma di affitto di ramo d'azienda, mentre gli altri sei devono essere collocati in una struttura Fercam della stessa provincia in cui hanno operato con Artoni, o in una limitrofa. Questi sono solo una parte dei 140 addetti passati in affitto di ramo d'azienda da Artoni a Fercam. Quelli esclusi dal passaggio lavorano nel quartier generale di Artoni oppure in filiali non più operative. 78 persone sono a carico del commissario straordinario: una parte è in cassa integrazione straordinaria e alcuni seguono la procedura di liquidazione. Il personale che non passerà in Fercam proseguirà la in cassa integrazione straordinaria e riceverà da Fercam una somma di 5000 euro; inoltre, avrà la precedenza nell'assunzione se Fercam avrà bisogno di nuovo personale nelle strutture acquisite da Artoni.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare