Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Confetra chiede riforma dell’Autorità dei Trasporti

Nereo Marcucci ha aspettato il giorno della relazione annuale al Parlamento dell'Autorità di Regolazione dei Trasporti per lanciare l'affondo di Confetra: "Contavo su una qualche forma di riflessione critica e di apertura considerando che le decisioni dell'ART provocano contenziosi sin dal 2015 e che da allora l'Autorità ha perso con varie motivazioni tutti i ricorsi promossi da Confetra e dalle Associazioni del sistema confederale", ha dichiarato il presidente della confederazione aggiungendo che "la stessa Corte Costituzionale gli ha dato torto e come monito nell'ultima Sentenza il Tar Piemonte l'ha condannata anche al pagamento delle spese processuali".
Marcucci contesta a Camanzi non solo di non fare alcuna autocritica, ma anche di "continuare imperterrita, contando sul patrocinio gratuito dell'Avvocatura di Stato mentre per noi i costi ricadono sulle imprese. Nel diritto civile se le nostre imprese intasassero i Tribunali con cause temerarie ne dovrebbero rispondere, l'Organo di controllo della spesa pubblica dovrebbe esprimere altrettanta severità su comportamenti omologhi che avvengono nell'ambito della giustizia amministrativa".
L'affondo di Marcucci viene dopo la notizia che l'Autorità di Regolazione dei Trasporti ha presentato un nuovo appello al Consiglio di Stato contro la recente sentenza del Tar Piemonte che ha accolto il ricorso di Confetra contro l'obbligo per le imprese di autotrasporto, spedizione e logistica di pagare il contributo annuale all'Autorità stessa, con una somma complessiva che tocca i diciannove milioni di euro l'anno: "Ancora una volta chiedo un chiaro intervento legislativo. Negli altri Stati Membri non esistono Autorità simili a quella italiana e il ruolo di garanzia nell'accesso equo e non discriminatorio nei servizi ex monopoli pubblici viene svolto dai ministeri. In Italia si assiste a una sovrapposizione di ruoli e a duplicazioni di funzioni: il nuovo Parlamento dovrebbe disboscare quei ruoli e quelle duplicazioni e se si confermasse l'utilità dell'Autorità di Regolazione se ne dovrebbe rivedere la norma istitutiva caricandone i costi sulla fiscalità generale ".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Nel giro di pochi giorni la Polizia ha scoperto due autisti di veicoli industriali, a Brescia e a Novara, che viaggiavano con patenti e documento d’identità falsi. Un fenomeno di cui non si conoscono ancora i contorni, ma per pochi euro si può acquistare un documento online.

Logistica

  • Arriveranno in Europa i camion a idrogeno  Hyzon

    Arriveranno in Europa i camion a idrogeno Hyzon

    Con un tweet diffuso l’11 luglio, l'imprenditore olandese Max Holthausen ha annunciato la nascita della filiale europea del costruttore statunitensi di veicoli industriali elettrici alimentati a idrogeno Hyzon Motors. Produrrà camion a celle combustibili con cabina Daf.

Mare

  • La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    Aumentano le adesioni al comitato Salviamo Genova e la Liguria, che riunisce le associazioni del trasporto merci che ruotano intorno allo scalo ligure e che il 22 luglio viaggeranno verso Roma per sollecitare soluzioni al caos viabilistico. Spediporto valuta danni per un miliardo di euro.