Primo piano

  • Pronti gli Incoterms 2020

    Pronti gli Incoterms 2020

    L'International Chamber of Commerce (ICC) ha preparato l'aggiornamento delle regole che da novant'anni agevolano gli scambi internazionali delle merci.

Podcast K44

Normativa

AsstrA cresce a doppia cifra nel 2019

La società di trasporto intermodale AsstrA-Associated Traffic ha chiuso il 2019 con una crescita a doppia cifra su tutti i fronti, a cominciare dal fatturato, che ha superato la soglia dei 350 milioni di euro, che corrisponde a una crescita del 24% rispetto all’anno precedente, con un utile loro aumentato del 14%. Questo fatturato è stato prodotto compiendo 165mila trasporti, il venti percento in più del 2018, realizzati per 5300 clienti, 260 in più rispetto all’anno precedente. La maggior parte dei trasporti, pari a 147mila, è avvenuta su strada. Seguono 6800 spedizioni marittime, 3400 aeree e 5200 ferroviarie. Queste spedizioni sommano 3,9 milioni di tonnellate, il venti percento in più rispetto al 2018. La maggior parte dei trasporti ha servito l’industria alimentare (19%), seguita dal fashion & beauty (14%), dalla chimica (11%), dalla lavorazione del legno (10%) e dall’industria metallurgica (8%).

La società precisa anche quali sono state le sue principali rotte: Russia-Bielorussia, Germania-Russia, Polonia-Russia e Italia-Russia. Tenendo conto che una parte consistente dei trasporti coinvolge i Paesi extra-comunitari, oltre al trasporto, AsstrA fornisce anche servizi doganali: nel 2019, la società ha emesso 10mila dichiarazioni, l’11% in più rispetto all’anno precedente, per il 22% in importo e il 78% in export. A questa crescita quantitativa corrisponde un ampliamento della rete, che nel 2019 ha aggiunto le filiali di Hof (Germania), Bucarest e Leon (Francia). AsstrA dichiara che l'espansione geografica continuerà anche quest’anno con l’apertura di sedi negli Stati Uniti, in Ungheria, nell’Uzbekistan, in Finlandia. Inoltre, la società potenzierà la rete in Russia, a Kazan e Vladivostok e in Cina, con un nuovo punto di presenza a Shenzhen.

“Negli ultimi cinque anni, si è verificato un rallentamento della crescita economica globale, resistenza commerciale, un riorientamento dei flussi di traffico tradizionali e, di conseguenza, una diminuzione del potere d'acquisto”, dichiara Dmitry Lagun, Ceo di AsstrA. “Nonostante ciò, l'anno scorso si è concluso in modo produttivo per l'azienda: AsstrA ha aumentato gli indici economici, ampliato la propria rete rappresentativa, lanciato una piattaforma online per l'interazione con i partner di trasporti. Nel 2020, l'azienda prevede l’ulteriore miglioramento del servizio clienti, l’aumento dell'efficienza operativa e lo sviluppo di prodotti IT che aiuteranno a ottimizzare i processi logistici”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Autotrasporto

Logistica

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Mare

  • Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia il rinvio all’Avvocatura di Stato del dossier sulla fusione tra i terminal container di Psa Pra’ e Sech, dopo non avere ricevuto una risposta dal ministero dei Trasporti.