Array ( [0] => 30 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Schmitz rinnova i semirimorchi isotermici


Il semirimorchio reefer S.KO Cool avrà una cassa isolata di nuova generazione, nuove unità di raffreddamento S.CU e sistemi telematici, così da offrire alle aziende di trasporto in temperatura un pacchetto completo ottimizzato per la logistica refrigerata. Esternamente, la sezione anteriore è stata ridisegnata, con l'area protetta della paratia estesa verso l'alto, in modo da evitare danni durante l'agganciamento. Inoltre, la capacità di isolamento della paratia è stata aumentata attraverso l'ottimizzazione di alcuni dettagli, fra cui la sagoma perimetrale.
Schmitz Cargobull ha anche innovato la propria unità di refrigerazione interna, equipaggiandola con un motore diesel common rail. La nuova generazione offre le stesse prestazioni di raffreddamento e una gestione precisa della temperatura della precedente, ma con minore consumo di carburante. L'unità di raffreddamento S.CU è anche conforme allo standard sulle emissioni Stage V, che entrerà in vigore a gennaio 2019. Grazie alla progettazione dell'unità di refrigerazione e al miglioramento della circolazione dell'aria, gli operatori possono ottenere una distribuzione della temperatura ancora più omogenea nell'area di carico. Il nuovo design del display con cifre di grandi dimensioni lo rendono facile da leggere e semplice nell'utilizzo. In alternativa al display, tutte le funzioni del sistema S.CS e del sistema telematico possono essere controllate tramite uno smartphone.
Anche il pavimento multifunzione è stato riprogettato e ora ha una superficie antiscivolo uniforme e di lunga durata. Le guide profilate integrate consentono il fissaggio del carico all'interno del veicolo in qualsiasi posizione e penetra all'interno acqua, il pavimento distribuisce la distribuisce in modo uniforme, riducendo il rischio della formazione di ghiaccio. La nuova generazione monta una nuova protezione dinamica della rampa posteriore, che ha paracolpi conici che attenuano l'impatto con la rampa in modo continuo e più delicato. Il nuovo sistema a coni riduce il peso di quasi sessanta chili, aumentando la portata utile. La parte posteriore modulare del semirimorchio consente il montaggio successivo di singoli componenti, riducendo i tempi di fermo e i costi in caso di riparazioni. Infine, il sistema telematico Schmitz Cargobull TrailerConnect consente il tracciamento continuo in tempo reale della temperatura interna e della posizione del semirimorchio. È sempre possibile accedere rapidamente ai dati tramite il portale web TrailerConnect. Questo sistema segnala anche malfunzionamenti, prima che si verifichi un guasto, dell'unità di raffreddamento, degli pneumatici o del sistema di apertura delle porte.

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Amazon ha iniziato a consegnare i furgoni a sei imprese di autotrasporto siciliane, che svolgeranno la distribuzione nell’ultimo miglio direttamente per il colosso del commercio elettronico. Un programma pilota che potrebbe espandersi in Italia.

Logistica

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.