Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Oltre 150mila marittimi confinati dal Covid-19 sulle navi

C’è un aspetto della pandemia di Covid-19 poco conosciuto fuori dall’ambiente marittimo ma che sta causando gravi problemi a migliaia di persone. È il confinamento dei marittimi a bordo delle navi, che secondo l’International Labour Organization interessa tra 150mila e 200mila persone in tutto il mondo. L’organizzazione chiede ai Governi e alle Autorità sanitarie e marittime a trovare una soluzione per una categoria che è fondamentale per assicurare i flussi dei beni di prima necessità durante la pandemia.

Il problema principale è la sospensione dei cambi d’equipaggio sulle navi, che “imprigiona” i marittimi in servizio all'inizio dell’emergenza a tempo indeterminato. L’Ilo ha lanciato il primo allarme alla fine di aprile e in un mese non solo non sono state trovate soluzioni, ma la situazione sta peggiorando. Molti marittimi avevano già completato i loro turni quattro mesi fa, ma i contratti sono stati prorogati per l’emergenza. L’organizzazione sottolinea che sono stati segnalati numerosi casi di esaurimento fisico e di salute mentale, con conseguenze anche sull’operatività e sulla sicurezza della navigazione.

Mentre i marittimi imbarcati sono costretti a lavorare oltre il loro normale turno di servizio, i loro colleghi che avrebbero dovuto rilevarli sono a terra e in molti casi senza reddito. L’Ilo chiede che tutti i marittimi siano considerati “lavoratori chiave”, esonerandoli così dalle restrizioni allo sbarco e al loro trasferimento, facilitando il ricambio degli equipaggi. La stessa richiesta è stata avanzata dall’ International Chamber of Shipping fin da marzo.

In Italia questo problema è segnalato dall’associazione degli armatori Confitarma. Secondo la confederazione, oltre tremila marittimi italiani sarebbero confinati in quattrocento navi, senza riuscire a sbarcare, mentre altrettanti lavoratori sono bloccati in Italia senza poter dare loro il cambio. Il 16 giugno scadrà la proroga dei contratti dei marittimi imbarcati stabilita da armatori e sindacati proprio per la pandemia, col rischio che le navi restino ferme nei porti.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Nel giro di pochi giorni la Polizia ha scoperto due autisti di veicoli industriali, a Brescia e a Novara, che viaggiavano con patenti e documento d’identità falsi. Un fenomeno di cui non si conoscono ancora i contorni, ma per pochi euro si può acquistare un documento online.

Logistica

  • Arriveranno in Europa i camion a idrogeno  Hyzon

    Arriveranno in Europa i camion a idrogeno Hyzon

    Con un tweet diffuso l’11 luglio, l'imprenditore olandese Max Holthausen ha annunciato la nascita della filiale europea del costruttore statunitensi di veicoli industriali elettrici alimentati a idrogeno Hyzon Motors. Produrrà camion a celle combustibili con cabina Daf.

Mare

  • La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    Aumentano le adesioni al comitato Salviamo Genova e la Liguria, che riunisce le associazioni del trasporto merci che ruotano intorno allo scalo ligure e che il 22 luglio viaggeranno verso Roma per sollecitare soluzioni al caos viabilistico. Spediporto valuta danni per un miliardo di euro.