Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Grandi Navi Veloci torna all’utile nel 2019

Grandi Navi Veloci è tornata a un risultato netto d’esercizio positivo nel 2019: l’utile è stato di quasi un milione di euro (984mila per la precisione), a fronte invece di una perdita pari a 13,4 milioni nel 2018. Lo aveva preannunciato recentemente in un’intervista pubblica organizzata dal Propeller Club di Genova l’amministratore delegato Matteo Catani precisando, però, che l’emergenza Covid-19 ha inevitabilmente riportato la società di navigazione in sofferenza finanziaria e infatti la compagnia ha chiesto e ottenuto un finanziamento da 25 milioni di euro garantito da Sace nell’ambito delle misure di sostengo alle imprese previste dal Decreto Liquidità. Il positivo andamento di Grandi Navi Veloci è evidenziato dalla controllante Marinvest, holding di partecipazioni italiane in mano alla famiglia Aponte (Gruppo Msc), all’interno del proprio bilancio 2019.

Parallelamente ad alcuni accordi con i soggetti finanziatori volti a una rimodulazione di alcuni termini e condizioni dei finanziamenti e dei titoli obbligazionari (sospensione temporanea di alcuni covenant, differimento parziale del rimborso del finanziamento e nuova linea di credito garantita), gli azionisti di Grandi Navi Veloci (Marinvest e Sas Shipping Agencies Services, entrambe società in mano al patron Gianluigi Aponte e alla sua famiglia) hanno anche “effettuato – si legge nel bilancio – un versamento in conto futuro aumento di capitale di 17 milioni di euro nelle casse sociali a sostegno del pagamento della rata di finanziamento regolarmente rimborsata alla scadenza del 29 maggio 2020”, dando così ossigeno finanziario alla controllata.

Nel 2019 Gnv è, come detto, tornata all’utile grazie “al consolidamento della strategia intrapresa negli anni precedenti con la diversificazione dei mercati, sia in ambito internazionale che nazionale, nonché lo sviluppo dell’attività di noleggio delle unità della flotta sociale”, scrive ancora Marinvest nel suo bilancio. “Tale strategia ha permesso alla Gnv di reagire positivamente alle pressioni competitive che hanno interessato alcuni mercati, in particolare il segmento merci Sicilia”. Più nel dettaglio i passeggeri trasportati nel 2019 sono aumentati del 4%, le merci del 6,9% ed è aumentato anche il fatturato per i servizi di bordo.

A conferma delle positive prospettive che gli azionisti intravvedono, Grandi Navi Veloci recentemente ha annunciato investimenti pari a 90 milioni di euro per dotare i suoi traghetti di scrubber e ha rivelato l’ingresso in flotta nel 2021 (probabilmente in noleggio a lungo termine con opzione d’acquisto) di una nuova nave in costruzione preso il Cantiere Navale Visentini.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: quando il camion frena da solo

    K44 podcast: quando il camion frena da solo

    Questo episodio del podcast K44 La voce del trasporto parla dell'ultima generazione dei sistemi di rallentamento e franta automatica dei veicoli industriali, che sono uno dei principali sistemi di sicurezza sulla strada.

Logistica

  • Arrestato “emiro vesuviano” per frode fiscale sui carburanti

    Arrestato “emiro vesuviano” per frode fiscale sui carburanti

    La Guardia di Finanza di Napoli ha chiuso l’inchiesta soprannominata Emiro Vesuviano con gli arresti domiciliari di un imprenditore di San Giorgio a Cremano operante nel commercio di carburanti, che avrebbe attuato una frode fiscale da dieci milioni di euro.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.