Primo piano

  • La Liguria vuole raggiungere sei milioni di teu

    La Liguria vuole raggiungere sei milioni di teu

    L'autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia che ad agosto 2019 è ripresa la crescita dei traffici container dopo il crollo del ponte Morandi e l'obiettivo è raddoppiare i volumi entro il 2026, considerando anche Savona.  

Podcast K44

Normativa

Piano da 86 miliardi per le ferrovie tedesche


Deutsche Bahn parla di svolta: il 14 gennaio 2020 è stato firmato con il Governo federale il contratto per il finanziamento a favore dell'ammodernamento della rete, conosciuto come programma LuFV III (terza edizione dell'Accordo di servizio e finanziamento). Il programma ha una validità di dieci anni, dal 2020 al 2029, mentre l'edizione precedente era impostata su cinque anni. Dal punto di vista finanziario l'impegno è imponente: 86,2 miliardi di euro nel decennio. Il Governo federale partecipa con un budget di 62 miliardi, mentre DB contribuirà con 24,2 miliardi di fondi propri. Questo significa che mediamente ogni anno sarà disponibile una somma di 8,6 miliardi di euro, il 54% in più di quanto previsto con il precedente piano LuFV II.
Sulla carta si tratta di un impegno senza precedenti per l'ammodernamento e la riqualificazione dell'intero sistema ferroviario. Ma nel dibattito parlamentare e nelle audizioni che hanno preceduto l'approvazione, le osservazioni critiche non sono mancate. La prima e più significativa riguarda l'effettiva esigenza finanziaria necessaria per l'ammodernamento di una rete dove, per decenni, sono stati lesinati i fondi per mantenerla all'altezza di una domanda di trasporto, passeggeri e merci, sempre più in crescita. Già nel febbraio 2019 la Corte dei conti federale tedesca aveva segnalato le carenze delle ferrovie anche in questo senso. Non a caso, il piano appena approvato, destina le proprie risorse essenzialmente alla manutenzione straordinaria della rete.
DB, dopo aver annunciato a fine 2019, di aver adeguato e ammodernato 900 ponti (tra scavalchi e viadotti, ferroviari e stradali), ha inserito nel programma LuFV III un intervento massiccio nel decennio su ulteriori duemila manufatti. Accanto a questi lavori di adeguamento saranno radicalmente rinnovati ogni anno duemila chilometri di binari insieme ad altrettanti deviatoi. Insieme a questo programma di aggiornamento, si investirà sulla tecnologia per rinnovare i sistemi di gestione e segnalamento e per digitalizzare tutto il sistema ferroviario.
Secondo le ferrovie l'infrastruttura è alla base per la crescita e il trasferimento modale, per tornare a essere protagonisti di primo piano anche nel trasporto merci. Deutsche Bahn punta ad aumentare del 30% la capacità dell'infrastruttura, mentre nello specifico l'obiettivo di DB Cargo è incrementare del 70% il trasporto merci, conquistando gradualmente nuove fette di mercato portando la modalità ferroviaria dal 18 al 25%. Ora la scommessa è quella di passare al più presto dalla programmazione agli appalti e all'apertura dei cantieri, come hanno chiesto le imprese tedesche specializzate nel settore, con un misto di speranza e preoccupazione.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Mare

  • Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia il rinvio all’Avvocatura di Stato del dossier sulla fusione tra i terminal container di Psa Pra’ e Sech, dopo non avere ricevuto una risposta dal ministero dei Trasporti.