Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Tira aria di rivolta tra autisti di Girteka per riduzione retribuzioni

I colossi orientali dell’autotrasporto internazionale, che sono cresciuti soprattutto grazie alle retribuzioni degli autisti molto più basse rispetto alla concorrenza occidentale, stanno subendo i colpi del coronavirus. Queste imprese svolgono soprattutto carichi completi industriali, che è uno dei settori che sta maggiormente soffrendo a causa della chiusura degli stabilimenti, e viaggiando sulle rotte internazionali subiscono anche le limitazioni e i rallentamenti attuate alle frontiere per contrastare la pandemia. Questa crisi è testimoniata da due delle più grandi flotte, l’ungherese Waberer’s International e la lituana Girteka Logistics. La prima ha fermato ben 1200 camion, mentre la seconda ha annunciato una riduzione delle retribuzione degli autisti.

Dal 14 aprile 2020 Girteka Logistics ha avviato un programma di riduzione dei costi per affrontare il calo di fatturato causato dalla riduzione dei volumi e uno dei provvedimenti è la riduzione della diaria giornaliera degli autisti, precisando che resta comunque superiore al minimo di Legge. Per comprendere l’importanza di questa decisione per i conducenti, bisogna considerare che la prassi in molte aziende dell’Est è tenere uno stipendio di base relativamente basso e integrarlo con contributi giornalieri basati sul chilometraggio percorso. Quindi, la riduzione della diaria può incidere in maniera rilevante sulla busta paga mensile.

Queste misure non sono state prese bene da una parte dei conducenti, che hanno reagito sui social network. In particolare, è sorto sul sistema di messaggistica Viber Messenger (analogo a Whatsapp) un gruppo di camionisti che invita i colleghi dell’azienda a scioperare da lunedì 20 aprile. I promotori della protesta chiedono aumenti, per i carichi di lavoro e per i rischi che sostengono, invece che riduzioni della retribuzione. Girteka replica che questa riduzione è temporanea e legata alla crisi causata dalla pandemia di Covid-19, precisando che sono in corso trattative e non tutti gli autisti condividono l’idea dello sciopero.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Arrestata banda rapinatori di camion a Catania

    Arrestata banda rapinatori di camion a Catania

    La Squadra Mobile di Catania ha arrestato in fragranza di reato sette persone che avevano appena assalito un autoarticolato e sequestrato il conducente per prelevare il carico. Recuperata l’intera refurtiva.

Logistica

  • Riprende trattativa del Ccnl Trasporto e Logistica

    Riprende trattativa del Ccnl Trasporto e Logistica

    Dopo una lunga pausa causata dalla pandemia di Covid-19, riprendono le trattative tra sindacati e rappresentanti delle imprese per rinnovare il contratto nazionale Logistica, Trasporto merci e Spedizione, scaduto nel 2019.

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.