Array ( [0] => 31 [1] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Cronaca

Normativa

Mare

    Gli autisti Girteka si raccontano al Guardian

    Dopo la protesta che ha coinvolto la società di autotrasporto polacca Agmaz, l’autotrasporto europeo è scosso da un articolo pubblicato il 7 maggio 2023 dal quotidiano britannico The Guardian, che riporta una lunga indagine sulle condizioni di lavoro degli autisti della compagnia lituana Girteka. In una serie di interviste condotte in Belgio e nei Paesi Bassi, è emerso che le tutele imposte dal Pacchetto Mobilità sono spesso ignorate e molti dei conducenti del gruppo, che impiega 19mila persone in tutta Europa. Gli intervistati hanno dichiarato di essere stati costretti a vivere per settimane sul proprio mezzo, dormendo in una cuccetta spesso condivisa con un collega.

    Gli autisti hanno inoltre riferito che l’azienda copre i costi di accesso a servizi igienici e docce nelle aree di sosta solamente durante i trasporti di merci di grande valore e, scrive il quotidiano, i conducenti avrebbero subito trattenute dagli stipendi per ripagare un consumo di carburante ritenuto eccessivo e spesso causato da furti o dalla necessità di riscaldare la cabina durante la notte. Secondo la ricostruzione del quotidiano inglese, il consumo di gasolio può influire sulla retribuzione e il salario degli autisti può aumentare grazie all’accumulo di punti "eco-driver" assegnati per un consumo efficiente del carburante e altri fattori quali il mancato uso dell'aria condizionata in estate oppure del riscaldamento mentre il veicolo non è in marcia. Di fatto, agli autisti verrebbe retribuita la rinuncia a condizioni di lavoro migliori e al benessere legato all’utilizzo di comuni comfort che migliorano la guida e aumentano la sicurezza al volante.

    Molti degli intervistati hanno vissuto per diversi mesi all’interno delle cabine, cucinando su piccoli fornelli a gas e pagando di tasca propria docce e servizi igienici che dovrebbero essere a carico del datore di lavoro. In alcuni casi, sarebbero state detratte cifre elevate, fino a un massimo di 450 euro, per aver consumato troppo carburante mentre nessuno degli autisti coinvolti avrebbe potuto beneficiare delle ferie e dei permessi pagati. Avrebbero potuto assentarsi dal lavoro solamente senza retribuzione e solo a patto di garantire un sostituto alla guida.

    Tra i racconti più toccanti spicca la storia di Yurii, ripresa anche dal sindacato olandese Fnv in un videoreportage, autista ucraino di 46 anni che ha subito un collasso in una stazione di servizio la sera della Vigilia di Natale del 2020, dopo aver trascorso al volante tutto l’anno della pandemia. Nonostante avesse informato l’azienda delle sue condizioni di salute in rapido peggioramento, Yurii sarebbe stato costretto a lavorare in affiancamento a nuovi tirocinanti, guidando principalmente la notte e sfidando sintomi via via più debilitanti. Il suo fisico non ha retto e, dopo uno svenimento, è stato ricoverato in ospedale per diverse settimane con una diagnosi di insufficienza renale e cardiaca. Dopo essere stato dimesso, ha avuto bisogno di ulteriori terapie da svolgere a casa e di eseguire dialisi a giorni alterni ma per raggiungere il suo alloggio ha dovuto viaggiare sul suo camion dalla Repubblica Ceca alla Lituania, fermandosi lungo il tragitto per caricare e scaricare merce, in compagnia di un tirocinante e mettendosi saltuariamente al volante.

    La protesta dei conducenti di Agmaz a Grafehausen, che ha aperto gli occhi dell’Unione Europea sulle reali condizioni di lavoro sulle strade comunitarie, sembra dunque essere un caso tutt’altro che isolato e anche i sindacati si stanno muovendo per offrire aiuto e assistenza. Edwin Atema, portavoce di Fnv, ha dichiarato che Yurii è solo uno delle migliaia e migliaia di conducenti sfruttati e che queste condizioni di lavoro sono sistemiche in tutta Europa.

    La risposta di Girteka, che aderisce al Global Compact delle Nazioni Unite sui diritti umani con il quale le aziende si impegnano a garantire di non essere complici di abusi, non è tardata ad arrivare. Il gruppo ha chiarito di avere a cuore il benessere dei propri dipendenti, tutti coperti da assicurazioni sanitarie e tutelati da malattie o infortuni. Riguardo al caso di Yurii, Girteka ha chiarito di non aver ricevuto alcuna documentazione medica che dimostrasse l’impossibilità di guidare dopo le dimissioni dall’ospedale e ha negato l’esistenza di una qualunque correlazione tra il lavoro svolto dall’autista e il deterioramento della sua salute.

    Il board della società ha anche emesso un comunicato in cui dichiara che, a seguito di alcune pratiche illecite riscontrate, un qualsiasi utilizzo eccessivo di carburante è trattato come una violazione del regolamento interno e che la scelta di non rientrare alla base sarebbe da imputare alla volontà degli autisti stessi, che riceverebbero anche un’indennità giornaliera per l’utilizzo di servizi igienici e docce. Girteka si è anche difesa da altre accuse mosse dai sindacati riguardo alle retribuzioni non in linea con il pacchetto mobilità, affermando che gli stipendi riconosciuti corrispondono alla media del Paese in cui gli autisti prestano servizio e non al panorama internazionale generale.

    Nonostante sul proprio sito web e su diversi annunci pubblicati online l’azienda prometta guadagni compresi tra 1995 euro e 2480 euro netti al mese, le informazioni raccolte da Fnv e dal The Guardian suggeriscono che molti conducenti guadagnino in realtà molto meno. La grande maggioranza dei veicoli è infatti condotta da personale proveniente da Paesi come Ucraina, Bielorussia e Asia Centrale, dove la vita è più economica e dove è più facile trovare autisti disposti a sacrificarsi per qualche anno pur di accumulare risorse per la propria famiglia.

    Dopo la multa ricevuta in Norvegia per cabotaggio irregolare e dopo le accuse ricevute, Girteka dovrà ora fornire risposte ai propri committenti. Come pubblicato dal Guardian, importanti gruppi come Ikea, Amazon e Dhl hanno avviato indagini per assicurarsi che tutti i lavoratori della filiera godano di condizioni di lavoro buone e eque e che siano rispettati tutti i diritti umani e del lavoro.
    Marco Martinelli

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Aereo

  • La crisi del Mar Rosso continua a spingere il cargo aereo

    La crisi del Mar Rosso continua a spingere il cargo aereo

    Le rilevazioni sui volumi e i noli del trasporto aereo delle merci diffuse da Xeneta a metà giugno 2024 mostrano che la crisi del Mar Rosso, la carenza di stiva container e la congestione dei porti continuato a favorire le spedizioni aeree.

Ferrovia

  • PKP Cargo in crisi punta sui semirimorchi

    PKP Cargo in crisi punta sui semirimorchi

    La compagnia ferroviaria statale polacca PKP Cargo sta attraversando una fase a dir poco delicata e per trovare una via d’uscita il suo responsabile della Strategia intende puntare sul trasporto intermodale di semirimorchi. E chiede contributi allo Stato.
Bpw inserisce l’intelligenza artificiale negli assali dei rimorchi

TECNICA

Bpw inserisce l’intelligenza artificiale negli assali dei rimorchi
Nuovi autocarri Astra per lavori pesanti in cava

TECNICA

Nuovi autocarri Astra per lavori pesanti in cava
K44 video | nuova gamma pesante Iveco sotto la lente

TECNICA

K44 video | nuova gamma pesante Iveco sotto la lente
Un carrello elettrico per le consegne urbane

TECNICA

Un carrello elettrico per le consegne urbane
Camion cinesi all’assalto della Russia

TECNICA

Camion cinesi all’assalto della Russia
previous arrow
next arrow
Dhl apre una logistica per veicoli elettrici a Milano

LOGISTICA

Dhl apre una logistica per veicoli elettrici a Milano
Galliate potrebbe sbarrare la strada a Novara Ecologistica

LOGISTICA

Galliate potrebbe sbarrare la strada a Novara Ecologistica
Il Gruppo Finsea cambia la struttura organizzativa

LOGISTICA

Il Gruppo Finsea cambia la struttura organizzativa
Logistica per ultimo km nella periferia di Milano

LOGISTICA

Logistica per ultimo km nella periferia di Milano
Il camion elettrico entra nel porto di Amburgo

LOGISTICA

Il camion elettrico entra nel porto di Amburgo
previous arrow
next arrow
Gasolio adulterato scoperto in Sicilia e Campania

ENERGIE

Gasolio adulterato scoperto in Sicilia e Campania
La Finanza sequestra ad Asti sette depositi di gasolio

ENERGIE

La Finanza sequestra ad Asti sette depositi di gasolio
Finanza sequestra deposito di gasolio in azienda logistica

ENERGIE

Finanza sequestra deposito di gasolio in azienda logistica
Finanza sequestra un milione e mezzo di euro per frode nei carburanti

ENERGIE

Finanza sequestra un milione e mezzo di euro per frode nei carburanti
Operazione anticontrabbando sequestra quattro articolati

ENERGIE

Operazione anticontrabbando sequestra quattro articolati
previous arrow
next arrow
Sanilog conferma Piero Lazzeri presidente fino al 2027

SERVIZI

Sanilog conferma Piero Lazzeri presidente fino al 2027
K44 Video | l’intelligenza artificiale cambia la gestione delle flotte

SERVIZI

K44 Video | l’intelligenza artificiale cambia la gestione delle flotte
K44 video | la visione di Sipli Fleet per gestione flotte

SERVIZI

K44 video | la visione di Sipli Fleet per gestione flotte
K44 video | la carta che rende più semplici i viaggi

SERVIZI

K44 video | la carta che rende più semplici i viaggi
Sanilog lancia una campagna gratuita per la prevenzione oncologica

SERVIZI

Sanilog lancia una campagna gratuita per la prevenzione oncologica
Un nuovo software per controllare i tempi di guida

SERVIZI

Un nuovo software per controllare i tempi di guida
Krone entra nei servizi di gestione digitale delle flotte

SERVIZI

Krone entra nei servizi di gestione digitale delle flotte
Msc sta acquisendo il Secolo XIX

SERVIZI

Msc sta acquisendo il Secolo XIX
Modalis apre una filiale in Italia per unità intermodali

SERVIZI

Modalis apre una filiale in Italia per unità intermodali
Cma Cgm investe 1,9 miliardi nell’informazione

SERVIZI

Cma Cgm investe 1,9 miliardi nell’informazione
Alleanza tra Webfleet e Bosch nella gestione delle flotte dei camion

SERVIZI

Alleanza tra Webfleet e Bosch nella gestione delle flotte dei camion
Intesa Sanpaolo finanzia una nuova gru del Gruppo Sir

SERVIZI

Intesa Sanpaolo finanzia una nuova gru del Gruppo Sir
Una nuova formazione intensiva per futuri spedizionieri

SERVIZI

Una nuova formazione intensiva per futuri spedizionieri
Un software per la gestione del Fascicolo Doganale Digitale

SERVIZI

Un software per la gestione del Fascicolo Doganale Digitale
Anche i veicoli leggeri possono pagare il pedaggio con Dkv

SERVIZI

Anche i veicoli leggeri possono pagare il pedaggio con Dkv
previous arrow
next arrow