Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Secondo trimestre 2019 in rosso per Waberer’s


Prosegue anche nel secondo trimestre del 2019 la fase negativa del colosso ungherese dell'autotrasporto, che ad aprile, maggio e giugno ha fatturato 172,7 milioni di euro, con un calo del 6,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Ciò porta il fatturato dei primi sei mesi a 654,9 milioni, con una flessione del 2,4%). Ciò comporta anche un peggioramento delle prestazioni economiche, con una perdita netta nel secondo trimestre di 9,1 milioni di euro e nel primo semestre di 13,6 milioni. Cala anche l'Ebit (-5,9 milioni nel secondo trimestre e -8,6 milioni nel primo semestre), mentre l'Ebidta resta positivo (12 milioni nel secondo trimestre e 27,2 milioni nel semestre). In una nota, la società segnala come principali cause della flessione dei ricavi la riduzione dei volumi trasportatori causata dalla crisi economica e finanziaria e dalla prevista Brexit (poi rinviata da marzo a ottobre).
La società aggiunge che "il programma di trasformazione ha iniziato a dare risultati, con effetti positivi sulla redditività per aumentare gradualmente nel corso dell'anno". Un programma che prevede anche la riduzione della flotta. La nota prosegue affermando che "sebbene gli effetti positivi delle misure appaiano più lenti del previsto, i risparmi nelle spese generali, amministrative e di vendita sono già in aumento", prevedendo un miglioramento nella seconda metà dell'anno. "Indipendentemente dall'elevato rapporto tra indebitamento finanziario netto, la posizione finanziaria del Gruppo rimane stabile e l'indebitamento nominale netto è pari a si prevede di continuare sulla via della diminuzione nel resto dell'anno, dato che il programma di riduzione della flotta ha pieno effetto".
Il Ceo dell'azienda, Robert Ziegler, precisa che nel secondo trimestre la flotta dei veicoli industriali è stata ridotta di trecento unità e altrettante saranno dismesse nel quarto trimestre. È in corso anche un processo di ristrutturazione delle attività internazionali per quanto riguarda la pianificazione e l'esecuzione dei trasporti."Queste azioni contribuiscono a migliorare ulteriormente miglioramento dell'utilizzo della flotta, della qualità dei clienti e quindi della redditività delle nostre attività", spiega il manager. L'azienda si sta anche preparando all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, prevista per il 31 ottobre: "Abbiamo messo a punto la documentazione, i processi e le procedure necessarie per gestire una situazione di no-deal. La nostra base clienti è ora abbastanza ben preparata, ma permangono delle incertezze".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.