Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Crolla il fatturato di Waberer’s nel 2° trimestre 2020

Prosegue la crisi del colosso ungherese dell’autotrasporto Waberer’s International che nel rapporto relativo all’andamento nel secondo semestre 2020 rivela una drastica riduzione del fatturato di un terzo (33,1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In termini assoluti, i ricavi di aprile, maggio e giugno sono stati di 115,5 milioni e la società imputa questa caduta alla pandemia di Covid-19 (che ha ridotto l’autotrasporto internazionale in tutta Europa del 30-40%) e al taglio della flotta iniziato nel 2019 per contenere i costi e che ha fermato un migliaio di veicoli industriali, pari a un terzo del parco.

La società ungherese perde nell’autotrasporto internazionale, che resta la sua attività principale, ma guadagna nella logistica in conto terzi (divisione Regional Contract Logistics). Per contenere le perdite, oltre alla drastica riduzione dei veicoli Waberer’s ha cambiato da luglio la modalità del loro utilizzo, passando da quella “taxi” a quella “trade lane”. Il primo modello prevedeva soprattutto viaggi spot sulla base della domanda in tempo reale, con una redditività relativamente bassa, mentre la seconda privilegia i contratti a lungo termine lungo le principali rotte europee. Questo cambiamento dovrebbe completarsi entro la fine dell’anno.

Il taglio dei costi ha migliorato i margini nel secondo trimestre di quest’anno. L’Ebidta si è contratto del 27,5% a 8,7 milioni, ma il suo margine è migliorato dello 0,6%, raggiungendo il 7,5%. L’Ebit è rimasto stabile a -5,9 milioni nonostante il calo dei ricavi e dell’Ebidta, mentre l’indebitamento finanziario netto è diminuito di 10,3 milioni di euro.

Illustrando questi risultati, la società scrive che “la direzione si aspetta che il ritorno ai livelli di volume pre-crisi nel mercato europeo dei trasporti a lungo raggio dovrebbe restare lento e la domanda dovrebbe rimanere contenuta nei prossimi trimestri. In questo contesto, Waberer’s continuerà a concentrarsi sulla redditività, la generazione di cassa e la riduzione dell'indebitamento cambiando modello di business, riducendo le dimensioni della flotta negli Its (autotrasporto internazionale) e concentrandosi sull'acquisizione di quote di mercato in Rcl (logistica in conto terzi)”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: intervenire contro i tamponamenti tra camion

    K44 podcast: intervenire contro i tamponamenti tra camion

    Questo episodio del podcast settimanale K44 La voce del trasporto affronta un fenomeno che pare in crescita: il tamponamento tra veicoli industriali, che può causare gravi incidenti. Affrontiamo la questione dal punto di vista dei controlli e da quello delle tecnologie.

Logistica

  • Amazon apre logistica per distribuzione a Rovigo

    Amazon apre logistica per distribuzione a Rovigo

    Amazon comunica che il 21 settembre 2020 aprirà il centro distributivo situato tra i Comuni di Castelguglielmo e San Bellino, in provincia di Rovigo, che è il quinto di questo tipo aperto in Italia.

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.