TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Waberer’s riduce utili e flotta

E-mail Stampa PDF

Nel primo trimestre del 2019 il colosso ungherese dell'autotrasporto ha diminuito il margine operativo lordo del 23,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente e ha tagliato 241 veicoli industriali.


Waberers camion sedeProsegue la fase di contrazione dell'utile e della flotta di Waberer's International, una delle più grandi aziende di autotrasporto dell'Unione Europea, che fino al 2018 ha mostrato una costante crescita che però nascondeva alcune debolezze. L'8 maggio 2019, l'azienda ha fornito i risultati del primo trimestre del 2019, che mostrano alcuni rilevanti segnali negativi. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente aumenta il fatturato del 2%, raggiungendo i 182 milioni, ma questo risultato è dovuto a un aumento delle tariffe, mentre calano i volumi trasportati. Ma insieme alla tariffe aumentano anche i costi diretti e indiretti, che nel primo trimestre trascinano in basso il margine operativo lordo (Ebitda) del 23,5% e il margine operativo netto (Ebit) in rosso di 2,7 milioni di euro (contro un attivo di 3,1 milioni nel primo trimestre del 2018).
Robert Ziegler, Ceo della società, spiega che questi risultati riflettono l'andamento negativo dell'intero mercato dei trasporti e della logistica, spinto anche dalle incertezze sulla Brexit. Ziegler annuncia una "seria trasformazione" per fronteggiare questa situazione, che è progressivamente attuata nella prima metà dell'anno. Il cambiamento più evidente riguarda la flotta: dopo avere annunciato lo scorso marzo l'annullamento di un'ordine di acquisto di trecento unità, ora l'azienda comunica che la sua flotta ha 241 camion in meno rispetto al quarto trimestre del 2018. Ora l'azienda conta 4340 veicoli industriali e 5806 autisti.
A breve termine Waberer's International continuerà ad attuare il programma di riduzione dei costi, mentre nel medio termine Waberer's migliorerà la qualità del servizio aumentando la sua flessibilità. "Questi cambiamenti sono sostanziali e non avranno effetto dall'oggi al domani, ma siamo fiduciosi di vedere i primi segni di miglioramento della nella seconda metà dell'anno", conclude Ziegler.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1852

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed