Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Fedespedi contro l’oligopolio delle compagnie marittime

    Fedespedi contro l’oligopolio delle compagnie marittime

    La presidente di Fedespedi denuncia che la tempesta perfetta che si è abbattuta sul trasporto marittimo è nata prima della pandemia e deriva dall’esenzione della normativa antitrust per le alleanze tra compagnie marittime del container.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Tar Sicilia conferma auto-produzione nel porto di Trapani


    Il Tar di Palermo ha gettato un sasso nel mare già agitato dell'auto-produzione portuale con una sentenza pubblicata il 25 marzo 2019 che riguarda il ricorso presentato dalla società Impresa Portuale contro un regolamento dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale che definiscono rizzaggio, derizzaggio, fardaggio e fissaggio come "servizi portuali" invece che "operazioni portuali". Un piccolo cambiamento che però comporta grandi conseguenze su chi può svolgere tali attività. Infatti, ora Imprese Portuali svolge in regime di autorizzazione come operazioni le attività di carico e scarico merci, rizzaggio e derizzaggio della merce che viaggia in container e su rotabili, nonché il fissaggio e il fardaggio. Il nuovo regolamento dell'Autorità portuale considera servizi al attività di "rizzaggio, derizzaggio, taccaggio", riferite agli autoveicoli e mezzi gommati da imbarcare o sbarcare, escluse le autovetture al seguito passeggeri, nonché, le attività di "fissaggio o fardaggio delle merci".
    Nel suo ricorso, Imprese Portuali ha chiesto l'annullamento dell'ordinanza, perché tali attività fanno parte del ciclo delle operazioni portuali, mancando dei requisiti sia della complementarietà, sia dell'accessorietà rispetto al ciclo delle operazioni portuali. Inoltre, la società afferma che l'Autorità non ha compiuto alcuna attività istruttoria al fine di verificare l'effettiva natura delle attività in interesse. Il giudici amministrativi hanno però respinto tale richiesta. Nella sentenza, i giudici scrivono che "il rizzaggio non può essere ricondotto sic et simpliciter alle operazioni portuali, in quanto tale attività specialistica è attività necessaria, ma a carattere eventuale, poiché non tutte le operazioni di movimentazione merci richiedono l'attività di rizzaggio: si pensi, per esempio, al carico delle merci alla rinfusa, il quale si effettua senza rizzaggio".
    Subito dopo aggiungono che "deve anche osservarsi che, a volere seguire la tesi di parte ricorrente, tali peculiari attività sostanzialmente perderebbero la loro autonomia rispetto alle operazioni portuali, dalle quali non sarebbero differenziate, restando prive di una specifica regolamentazione; laddove, proprio i rilevanti profili della sicurezza - quali evincibili dal complessivo quadro normativo su riportato - impongono il rilascio, da parte dell'Autorità, dell'autorizzazione a ciascuna impresa che voglia effettuare tali attività; con conseguente necessità, per tutte le imprese operanti nell'ambito portuale, di indicare, nelle istanze di autorizzazione, per quali specifiche attività chiedono di essere abilitate, nella considerazione che l'Autorità deve valutare i profili della sicurezza della navigazione e dell'approdo. Inoltre, per quanto già rilevato anche tenendo conto della specifica normativa, il rizzaggio e il derizzaggio - a differenza della mera movimentazione delle merci - non si caratterizzano solo per l'aspetto economico, ma anche per il profilo della sicurezza della navigazione; sicché, tali attività specialistiche non possono essere considerate alla stregua di attività libere, come tali implicitamente ricomprese nel carico e scarico e nella movimentazione merci".
    La sentenza conclude che "nella consapevolezza delle specifiche caratteristiche delle attività in interesse - del resto, in passato assimilate ai servizi tecnico nautici - il rizzaggio e il derizzaggio si possono ricondurre alla disciplina dei servizi portuali, in quanto strettamente connessi (ove necessari in funzione della tipologia di operazione) al ciclo delle operazioni che si svolgono nel porto, e aventi, oltre alle su rilevate finalità pubblicistiche involgenti importanti profili di sicurezza, anche un aspetto economico e, pertanto, necessariamente subordinate al potere autorizzativo dell'Autorità portuale". Perciò, il regolamento dell'ASP "appare coerente con il quadro normativo di riferimento" e ciò rende infondato anche il secondo motivo del ricorso, perché "una volta ricondotte le attività in interesse all'ambito dei servizi portuali, deve rilevarsi che la competenza dell'ASP a disciplinare tali attività è espressamente prevista dall'art. 6, co. 4, della l. n. 84/1994".
    SENTENZA TAR SICILIA 0875/2019 SU AUTOPRODUZIONE PORTO TRAPANI

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Cambianica ha ampliato e rinnovato la sede
    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • L’Egitto allarga l’imbocco meridionale del Canale di Suez

    L’Egitto allarga l’imbocco meridionale del Canale di Suez

    L’Autorità del Canale di Suez ha avviato i lavori per allargare l’imbocco meridionale, dove a marzo si è intraversata la portacontainer Ever Given bloccando la circolazione per sei giorni. È il primo passo di un nuovo progetto di potenziamento.

TECNICA

Vdo aggiorna il cronotachigrafo per migliorarne l’uso

TECNICA

Il camion paga da solo il rifornimento di gasolio

TECNICA

Citroën presenta un microvan elettrico per l’ultimo miglio

TECNICA

Nasce il gemello digitale del container aereo

TECNICA

Iveco rinnova i camion per l’edilizia
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Nuova piattaforma per logistica urbana Sda a Milano

LOGISTICA

Come l’aumento dell’inflazione potrà colpire il trasporto

LOGISTICA

Amazon aprirà smistamento a Venezia

LOGISTICA

K44 podcast: presente e futuro del biometano liquefatto

LOGISTICA

Logista aprirà una logistica ad Anagni per Terzia
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Stretta di Londra sui clandestini in camion

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Scavalco ferroviario e accordo con Mercitalia, svolta per Livorno

CAMIONSFERA

Iru chiede priorità alla vaccinazione per l’autotrasporto

CAMIONSFERA

L’Egitto allarga l’imbocco meridionale del Canale di Suez

CAMIONSFERA

La Germania sospende divieti camion sino a fine giugno

CAMIONSFERA

Prova generale di accordo sul rinnovo Ccnl Logistica e Trasporto

CAMIONSFERA

L’autostrada A12 riapre ai camion tra Sestri Levante e Lavagna

CAMIONSFERA

Karsten Beier respinge in Tribunale le accuse di sfruttamento autisti

CAMIONSFERA

L’Austria potenzia la Westbahn a partire dal nodo saturo di Linz

CAMIONSFERA

Vdo aggiorna il cronotachigrafo per migliorarne l’uso

CAMIONSFERA

Camionista arrestato per furto di gasolio

CAMIONSFERA

A12 chiusa ai camion tra Lavagna e Sestri Levante

CAMIONSFERA

In Danimarca inizia un importante processo sullo sfruttamento di autisti

CAMIONSFERA

Divieti straordinari per camion sull’A22 a maggio e giugno

CAMIONSFERA

Finanza scopre un traffico di ricambi camion contraffatti

CAMIONSFERA

Un nastro giallo sul retrovisore per ringraziare i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider