Array ( [0] => 14 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Aperto il dialogo sulle tariffe dei traghetti


All'alba del 7 gennaio 2020 gli autotrasportatori siciliani hanno picchettato gli accessi al porto di Catania, dove non hanno fatto entrare i veicoli pesanti, e attuato presidi più morbidi in quelli di Palermo e Termini Imerese, mentre in Sardegna sono avvenuti sit-in nei porti di Cagliari, Olbia e Porto Torres. Queste manifestazioni, coordinate da Trasportounito, sono avvenute contro l'aumento delle tariffe dei traghetti causato dall'obbligo (entrato in vigore il 1° gennaio 2020) di usare solo carburante a basso tenore di zolfo su tutte le navi, che costa più di quello finora usato. A Cagliari alcuni autisti hanno parcheggiato camion e rimorchi lungo il viale di accesso al porto, aderendo alla protesta.
Nel pomeriggio è avvenuto un incontro tra le associazioni degli autotrasportatori e la ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, e il vice-ministro Giancarlo Cancelleri. Dopo la riunione non sono stati annunciati provvedimenti concreti, ma Trasportounito ha comunicato due importanti impegni presi dal ministero: "Gli autotrasportatori potranno intervenire direttamente nella fase di definizione dei criteri della Convenzione sulla continuità territoriale, che dalla fine di luglio dovrà sostituire quella esistente. Parallelamente, per quanto riguarda i trasporti marittimi da e per la Sicilia saranno valutate entro la prossima settimana le possibilità concrete di utilizzo del Marebonus, per attenuare l'impatto dei rincari sul costo del carburante a basse emissioni". La riunione è stata aggiornata alla prossima settimana, quando il ministero dovrebbe portare provvedimenti operativi. Oggi gli autotrasportatori siciliani hanno incontrato anche i rappresentanti della Regione Sicilia.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.