Primo piano

  • Le priorità degli spedizionieri in Europa

    Le priorità degli spedizionieri in Europa

    Clecat, l'associazione europea degli spedizionieri e degli operatori logistici, ha pubblicato un elenco di priorità alla Commissione Europea utili a migliorare la competitività del trasporto merci nei prossimi cinque anni.  

Podcast K44

Normativa

Stop ai carburanti a novembre 2019


Il Decreto Legge fiscale in discussione alla Camera ha scatenato la protesta dei distributori di carburanti, le cui associazioni Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno proclamato un fermo di 48 ore dalle 6.00 di mercoledì 6 novembre alle 6.00 di venerdì 8 novembre 2019. Le associazioni contestano alcuni provvedimenti fiscali collegati alla Legge di Bilancio, tra cui la fatturazione elettronica, l'obbligo dei registratori di cassa telematici anche per bassi fatturati, la digitalizzazione dei documenti di trasporto e della registrazione giornaliera e l'invio telematico dei corrispettivi giornalieri. Secondo le associazioni, questi adempimenti gravano i gestori senza contribuire alla lotta contro l'evasione fiscale, trasformando i gestori in controllori dell'intera filiera con responsabilità anche penali. Lo sciopero è indirizzato anche contro le compagnie petrolifere che non rispetterebbero i contratti e che si oppongono al rinnovo degli accordi economici.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

  • Il coronavirus è già costato almeno cinque miliardi di euro

    Il coronavirus è già costato almeno cinque miliardi di euro

    La portavoce della Commissione Europea dichiara di non avere ancora ricevuto la richiesta del Fondo di Solidarietà dall’Italia per l’emergenza coronavirus e chiede al Governo di agire immediatamente in tal senso e di creare un'unica regia per affrontare le conseguenze dell’epidemia per la logistica.

Mare