Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Cinque richiami della Commissione Ue su liberalizzazione ferroviaria

Cinque Paesi comunitari hanno ricevuto a maggio 2020 altrettante note sul diario da parte della Commissione europea. In termine tecnico si chiamano lettere di costituzione in mora, vale a dire intimazioni formali per non aver rispettato e recepito le direttive europee, nello specifico quelle in materia ferroviaria. Il richiamo riguarda due stati di più recente adesione comunitaria, come Croazia e Slovenia, i due paesi della Penisola iberica, in pratica Spagna e Portogallo, ma anche la più attenta e solerte Germania.

Al centro del contendere ci sono le direttive, via via aggiornate e integrate nel corso degli anni, che stanno alla base della nascita dello spazio ferroviario unico europeo, in cui tutte le imprese possono proporre i loro servizi di trasporto senza ostacoli, palesi o occulti, per la concorrenza.

Croazia, Slovenia e Spagna avrebbero dovuto adottare entro giugno 2015 la Direttiva 2012/34 e non lo hanno fatto. Si tratta della separazione tra gestione dell’infrastruttura e attività di trasporto, il presupposto per promuovere la concorrenza quindi con condizioni di accesso trasparenti e con tariffe chiare e indipendenti. Al Portogallo invece è stato contestato il mancato rispetto della direttiva 2004/49 quella che, in estrema sintesi, impone il certificato di sicurezza. Questo è indispensabile per arrivare a una vera liberalizzazione. Al paese iberico sono state riscontrate carenze nella supervisione e nella capacità organizzativa dell’Autorità nazionale preposta alla sicurezza.

Infine l’occhio vigile della Commissione europea si è concentrato sulla Germania, curiosamente il Paese che più di altri si è dato regole per favorire la concorrenza. Così come l’Italia per prima, e con largo anticipo, ha aperto la rete a due diverse imprese che si contendono il mercato dell’alta velocità passeggeri, sulla stessa lunghezza d’onda la Germania ha puntato sul mercato delle merci con il risultato di avere una vivace presenza di operatori ma soprattutto livelli record di traffico. A dire il vero quanto contestato alla Germania, appare quasi marginale nel contesto di tutto il servizio ferroviario: “la Commissione ritiene che le disposizioni nazionali relative ai requisiti per gli impianti di frenatura dei carri merci non siano conformi al diritto europeo e ostacolino gli sforzi di interoperabilità”. Quando la precisione teutonica inciampa su un freno.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Amazon ha iniziato a consegnare i furgoni a sei imprese di autotrasporto siciliane, che svolgeranno la distribuzione nell’ultimo miglio direttamente per il colosso del commercio elettronico. Un programma pilota che potrebbe espandersi in Italia.

Logistica

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.