Primo piano

  • Le priorità degli spedizionieri in Europa

    Le priorità degli spedizionieri in Europa

    Clecat, l'associazione europea degli spedizionieri e degli operatori logistici, ha pubblicato un elenco di priorità alla Commissione Europea utili a migliorare la competitività del trasporto merci nei prossimi cinque anni.  

Podcast K44

Normativa

Aereo cargo precipitato in Ucraina


Intorno alle sette e mezza di questa mattina (ora locale) un quadrimotore Antonov AN-12 della compagnia Ukraine Air Alliance adibito al trasporto delle merci ha tentato un atterraggio di emergenza mentre stava atterrando all'aeroporto di Lviv-Danylo Halytskyi, ma è caduto a circa un chilometro e mezzo dalla pista. L'aereo era partito dall'aeroporto spagnolo di Vigo e ospitava otto persone - sette membri dell'equipaggio e un supervisore - e le prime notizia riferiscono di cinque morti e tre feriti gravi. Secondo una prima affermazione del Governo ucraino, l'aereo avrebbe esaurito il carburante mentre stava atterrando. L'aereo doveva attuare una sosta nello scalo di Lviv prima di ripartire per Istanbul. L'Antonov AN-12 è nato come aereo militare nel 1957, poi è stato convertito anche agli usi civili. Oggi è usato soprattutto per trasporti charter gravosi, grazie alla portata di venti tonnellate. L'esemplare caduto è stato consegnato nel 1968 all'Aviazione militare sovietica ed è stato acquistato da Ukraine Air Alliance nel 1992.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

  • Il coronavirus è già costato almeno cinque miliardi di euro

    Il coronavirus è già costato almeno cinque miliardi di euro

    La portavoce della Commissione Europea dichiara di non avere ancora ricevuto la richiesta del Fondo di Solidarietà dall’Italia per l’emergenza coronavirus e chiede al Governo di agire immediatamente in tal senso e di creare un'unica regia per affrontare le conseguenze dell’epidemia per la logistica.

Mare