Array ( [0] => 9 [1] => 21 )

Primo piano

  • K44 podcast | il primo secolo del cronotachigrafo

    K44 podcast | il primo secolo del cronotachigrafo

    Il 21 agosto i veicoli industriali di nuova immatricolazione dovranno installare il cronotachigrafo intelligente di seconda generazione. Una data che corrisponde alla celebrazione dei primi cent’anni dello strumento che memorizza i tempi di guida e di riposo degli autisti. La sua storia in questo podcast di K44.

Podcast K44

Cronaca

  • Webfleet celebra il suo 25° anniversario nella gestione del parco veicoli

    Webfleet celebra il suo 25° anniversario nella gestione del parco veicoli

    Webfleet, la soluzione telematica di Bridgestone per la gestione del parco veicoli, festeggia quest'anno il suo 25° anniversario. Per celebrare questo traguardo, l'azienda ha degli eventi presso il suo quartier generale di Amsterdam, evidenziando l'evoluzione e l'innovazione costante che l'hanno resa un leader globale nel settore.

Normativa

Mare

    Come usare la lettera di vettura digitale e-Cmr

    Il Consiglio dei Ministri nella riunione di lunedì 17 aprile 2023 ha approvato un disegno di Legge di ratifica dell’adesione della Repubblica italiana al Protocollo addizionale della Convenzione concernente il contratto di trasporto internazionale di merci su strada (Cmr), relativo alla lettera di vettura elettronica, concluso a Ginevra il 20 febbraio 2008. Che cosa è la e-Cmr e come bisogna usarla per assicurare la massima regolarità del trasporto? Lo spiega in questo articolo l’avvocato Rodolfo Faccini.

    Che cosa è la e-Cmr
    La e-Cmr è una lettera di vettura emessa mediante una comunicazione elettronica dal vettore, dal mittente o da qualsiasi altra parte interessata all’esecuzione del contratto di trasporto, tramite una trasmissione elettronica (articolo 1 del Protocollo addizionale del 2008), cioè informazioni generate, inviate, ricevute o memorizzare tramite strumenti elettronici, digitali oppure ottici, compresi file allegati o collegati. L’emissione della e-Cmr, che consente alle parti di aderire alla Convention relative au contrat de transport international de Marchandises par Route (che definiremo come la Convenzione), deve contenere le stesse informazioni del cartaceo, mentre le procedure utilizzate per l’emissione devono garantire l’integrità dei dati in esso contenuti dal momento della generazione sino alla sua forma finale.

    Valore probatorio della e-Cmr
    La e-Cmr che rispetta le disposizioni del Protocollo addizionale del febbraio 2008 (che definiremo come il Protocollo), è considerata equivalente al Cmr cartaceo (articolo 2 comma 2 del Protocollo) e ha, quindi lo stesso valore probatorio e produce i medesimi effetti.

    Autenticazione della e-Cmr
    La e-Cmr per avere validità deve essere autenticata dalle parti contrattuali mediante una firma elettronica affidabile in grado di garantire il suo collegamento con la medesima, e dove con firma elettronica si intende i dati in formato elettronico allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici, utilizzati come metodo di autenticazione. L’affidabilità della firma elettronica è tale se:

    1. è connessa univocamente al firmatario
    2. permette di identificare il firmatario
    3. è stata creata con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo
    4. è collegata ai dati a cui si riferisce in modo che ogni eventuale modifica sia identificabile

    Premesse di carattere generale
    La Convenzione non indica chi debba materialmente compilare il documento e le parti possono accordarsi affinché firmi solo uno degli interessati; infatti l’articolo 5 della Convenzione stabilisce soltanto che la lettera di vettura debba essere firmata dal mittente e dal vettore e che il primo esemplare, dei tre previsti, venga consegnato al mittente dal che se ne può dedurre che, di norma, è il vettore che compila la Cmr e, questo, è ormai anche prassi. Ovviamente anche uno spedizioniere può emettere una lettera di vettura in qualità di committente del trasporto e se sono previsti trasporti combinati o multimodali, lo spedizioniere dovrà necessariamente sottoscrivere più contratti di trasporto con i diversi vettori ed altrettante lettere di vettura.

    L’articolo 1 del Protocollo, invece, nello specificare cosa si intende per “lettera di vettura elettronica” prevede che essa sia “emessa dal vettore, dal mittente o da qualsiasi altra parte interessata all’esecuzione di un contratto di trasporto”, come lo è lo spedizioniere. Il successivo articolo 5 comma 1 stabilisce, poi, che “le parti interessate all’esecuzione del contratto di trasporto stabiliscono di comune accordo le procedure e la loro attuazione al fine di conformarsi alle disposizioni del presente Protocollo” e l’ articolo 4 della Convenzione afferma che il contratto di trasporto è stabilito dalla lettera di vettura (la Cmr) la quale, per tale ragione, è il contratto.

    Da quanto sopra se ne ricava che il contratto di trasporto, atto giuridico, è rappresentato dalla Cmr o e-Cmr e che le parti interessate alla sua esecuzione, vettore, mittente o altri (esempio lo spedizioniere) possono accordarsi circa le procedure da seguire per la sua attuazione. È prassi del settore, riguardo alla Cmr cartacea, quella da parte del vettore di “siglare” la casella 22 ove sono riportati i dati del mittente, in forza di una tacita delega in tal senso da parte del mittente medesimo, per poi procedere al trasporto. Con l’introduzione della e-Cmr si pone il problema della necessità della firma elettronica del mittente e, pertanto, una tale procedura non è più possibile.

    Soluzione
    Quella a mio parere più consona, considerato quanto sopra scritto circa la natura di atto giuridico della Cmr (contratto di trasporto) e di possibilità per le parti interessate, mittente e vettore (o spedizioniere), di emettere e stabilire le procedure da seguire per la compilazione e sottoscrizione della e-Cmr, è quella del mandato in rem propria tra il mittente e il vettore, o lo spedizioniere, in forza del quale quest’ultimo si obbliga, anche per un interesse suo proprio all’adempimento del contratto di trasporto o spedizione, a compilare la e-Cmr nel rispetto delle regole stabilite dalla Convenzione e dal Protocollo e a sottoscriverla, con propria firma elettronica, in nome e per conto del mittente.

    L’alternativa pratica della delega di firma (procura), che ha la funzione principale di attribuire il potere di spendere il nome del rappresentato, ritengo non possa essere la scelta corretta posto che essa è, a differenza del mandato, un contratto unilaterale e meramente autorizzativo che non obbliga il delegato (vettore o spedizioniere) a compilare e sottoscrivere le e-Cmr consentendogliene solo la facoltà, trovando poi anche il limite del compimento di atti giuridici che questa fattispecie non autorizza.

    Un tale strumento potrebbe, semmai, essere utilizzato solo nell’ambito del contratto di spedizione che è già un mandato (contratto con il quale una parte, mandatario o gestore, si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell’altra, mandante o gerito) e nel quale saranno stabilite le procedure per la compilazione della e-Cmr e sua sottoscrizione al quale affiancare, o già includere nel testo contrattuale, la delega/procura a sottoscrivere in nome e per conto del mittente la e-Cmr.

    Quanto sopra suggerito risulta conforme sia alla Convenzione che al Protocollo oltre che alle varie questioni giuridiche sottese all’introduzione della e-Cmr oltre che fornire, attraverso il contratto di mandato, o se del caso l’atto di delega/procura, sottoscritto con data certa tra le parti interessate al trasporto internazionale, un valido documento autorizzativo da esibire, se richiesto, alle varie autorità.

    Avvocato Rodolfo Faccini
    legalstudiofaccinivr@gmail.com

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Aereo

  • FedEx ridurrà i colletti bianchi in Europa

    FedEx ridurrà i colletti bianchi in Europa

    FedEx ha annunciato a metà giugno 2024 che intende ridurre gli addetti in Europa di 1.700-2.000 unità, nelle funzioni legate al back-office e al commerciale. Lo scopo è “adattarsi alle mutevoli dinamiche del mercato”.
Schmitz Cargobull EcoDuo svela un doppio semirimorchio da 31,5 metri

TECNICA

Schmitz Cargobull EcoDuo svela un doppio semirimorchio da 31,5 metri
Schmitz Cargobull anticipa le novità dello IAA 2024

TECNICA

Schmitz Cargobull anticipa le novità dello IAA 2024
Bpw inserisce l’intelligenza artificiale negli assali dei rimorchi

TECNICA

Bpw inserisce l’intelligenza artificiale negli assali dei rimorchi
Nuovi autocarri Astra per lavori pesanti in cava

TECNICA

Nuovi autocarri Astra per lavori pesanti in cava
K44 video | nuova gamma pesante Iveco sotto la lente

TECNICA

K44 video | nuova gamma pesante Iveco sotto la lente
previous arrow
next arrow
Parte il bando per l’innovazione nella logistica in Liguria

LOGISTICA

Parte il bando per l’innovazione nella logistica in Liguria
Il SiCobas indice sciopero nazionale logistica a giugno

LOGISTICA

Il SiCobas indice sciopero nazionale logistica a giugno
L’autonomia differenziata potrebbe nuocere alla logistica

LOGISTICA

L’autonomia differenziata potrebbe nuocere alla logistica
Alleanza tra Daimler Truck e Kawasaki sull’idrogeno per i camion

LOGISTICA

Alleanza tra Daimler Truck e Kawasaki sull’idrogeno per i camion
K44 video | viaggio in Norvegia con Scania elettrico

LOGISTICA

K44 video | viaggio in Norvegia con Scania elettrico
previous arrow
next arrow
Dodici denunce per frode fiscale nei carburanti

ENERGIE

Dodici denunce per frode fiscale nei carburanti
Scoperta frode su 133 milioni di litri di carburante

ENERGIE

Scoperta frode su 133 milioni di litri di carburante
Gasolio adulterato scoperto in Sicilia e Campania

ENERGIE

Gasolio adulterato scoperto in Sicilia e Campania
La Finanza sequestra ad Asti sette depositi di gasolio

ENERGIE

La Finanza sequestra ad Asti sette depositi di gasolio
Finanza sequestra deposito di gasolio in azienda logistica

ENERGIE

Finanza sequestra deposito di gasolio in azienda logistica
previous arrow
next arrow
Sanilog conferma Piero Lazzeri presidente fino al 2027

SERVIZI

Sanilog conferma Piero Lazzeri presidente fino al 2027
K44 Video | l’intelligenza artificiale cambia la gestione delle flotte

SERVIZI

K44 Video | l’intelligenza artificiale cambia la gestione delle flotte
K44 video | la visione di Sipli Fleet per gestione flotte

SERVIZI

K44 video | la visione di Sipli Fleet per gestione flotte
K44 video | la carta che rende più semplici i viaggi

SERVIZI

K44 video | la carta che rende più semplici i viaggi
Sanilog lancia una campagna gratuita per la prevenzione oncologica

SERVIZI

Sanilog lancia una campagna gratuita per la prevenzione oncologica
Un nuovo software per controllare i tempi di guida

SERVIZI

Un nuovo software per controllare i tempi di guida
Krone entra nei servizi di gestione digitale delle flotte

SERVIZI

Krone entra nei servizi di gestione digitale delle flotte
Msc sta acquisendo il Secolo XIX

SERVIZI

Msc sta acquisendo il Secolo XIX
Modalis apre una filiale in Italia per unità intermodali

SERVIZI

Modalis apre una filiale in Italia per unità intermodali
Cma Cgm investe 1,9 miliardi nell’informazione

SERVIZI

Cma Cgm investe 1,9 miliardi nell’informazione
Alleanza tra Webfleet e Bosch nella gestione delle flotte dei camion

SERVIZI

Alleanza tra Webfleet e Bosch nella gestione delle flotte dei camion
Intesa Sanpaolo finanzia una nuova gru del Gruppo Sir

SERVIZI

Intesa Sanpaolo finanzia una nuova gru del Gruppo Sir
Una nuova formazione intensiva per futuri spedizionieri

SERVIZI

Una nuova formazione intensiva per futuri spedizionieri
Un software per la gestione del Fascicolo Doganale Digitale

SERVIZI

Un software per la gestione del Fascicolo Doganale Digitale
Anche i veicoli leggeri possono pagare il pedaggio con Dkv

SERVIZI

Anche i veicoli leggeri possono pagare il pedaggio con Dkv
previous arrow
next arrow