Array ( [0] => 30 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Hiab ed Effer allo IAA 2018


A pochi mesi dalla acquisizione (ancora da finalizzare) da parte del Gruppo svedese Hiab del costruttore italiano Effer, in pancia da alcuni anni alla CTE, i due marchi mantengono ancora separata la joint appena nata. La strategia di Hiab è quella di rafforzare la combinazione dei due marchi attraverso un listino ancora più completo e una presenza più capillare nel mondo. Effer, fondata nel 1965, può vantare oltre 50 anni di esperienza nello sviluppo e nella fabbricazione di gru articolate, veicoli industriali allestiti con gru con capacità di sollevamento da 3 a 300 tonnellate, camion gru per applicazioni speciali e gru marine. Il quartier generale di Effer resta a Minerbio in provincia di Bologna, con 400 dipendenti. La distribuzione viene gestita attraverso una rete di oltre 100 distributori in 60 paesi. L'anno scorso le vendite di Effer hanno raggiunto i 71 milioni di euro e hanno generato profitti operativi per circa 6,1 milioni di euro. Hiab con questa acquisizione amplia il listino dedicato alla gamma di gru pesanti fino alle 100 tonnellate/metro. Il brand ex-tricolore si aggiunge ai marchi già in proprietà della Hiab: Jonsered , Argos e Loglift.

In merito al testo, Effer invia questa precisazione: "Segnaliamo che sia il titolo sia la parte 'A pochi mesi dalla acquisizione da parte del Gruppo svedese Hiab del costruttore italiano Effer, in pancia da alcuni anni alla CTE, i due marchi mantengono ancora separata la joint appena nata' sono fuorvianti e suggeriscono un'idea errata dell'operazione in corso che, ricordiamo, non è ancora stata conclusa. Dall'articolo non emerge affatto che siamo in attesa di finalizzazione dell'operazione: per questo non ha alcun senso mettere l'attenzione sulla partecipazione separata dei due brand che sono e rimangono distinti. Tutto questo è specificato nel comunicato Effer ufficiale ( https://www.effer.com/effer-s-p-a-fara-parte-di-hiab/ ) in cui è chiaramente scritto: 'Effer farà parte di Hiab, ma continuerà ad operare con il suo brand e tramite la sua rete di distribuzione'. Anche l'appellativo "ex-tricolore" attribuito a Effer non è corretto in quanto si tratta di un'azienda che da oltre 50 anni produce interamente le sue gru in Italia ed è riconosciuta in tutto il mondo per l'affidabilità e la qualità dei suoi prodotti: una forza e un'identità del brand che Hiab ha tutto l'interesse a mantenere'.

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.