Array ( [0] => 32 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Reato omicidio stradale non riduce la pirateria

L'osservatorio dell'Asaps ha censito in Italia, da gennaio a giugno 2016, 556 incidenti con morti o feriti che hanno comportato omissione di soccorso, contro i 484 del primo semestre 2015. L'unica buona notizia è la riduzione dei morti dai 61 del 2015 ai 52 del 2016, però sono aumentati i feriti, da 664 a 575. L'associazione ha ristretto l'analisi ai primi tre mesi dell'anno, quando è entrata in vigore la nuova legge sull'omicidio stradale che secondo i promotori ha anche l'obiettivo di contrastare la pirateria stradale. Obiettivo che però, almeno nella fase d'esordio, non è stato raggiunto: "Nei tre mesi di aprile, maggio e giugno 2016 gli episodi gravi di pirateria stradale sono stati 294, contro i 245 dello stesso trimestre del 2015. 49 incidenti in più e un incremento del 20% tondo. I feriti sono stati nello stesso trimestre 366, mentre nel 2015 erano stati 313, +16,9%. Ma è sui decessi che il dato si fa deludente in quanto le persone uccise da pirati della strada nel trimestre sono state 33, esattamente lo stesso numero del 2015". L'Asaps – che ha molto sostenuto la legge – conclude che "nel trimestre dell'omicidio stradale è stato vanificato il vantaggio dei mesi precedenti, anche se la situazione delle piraterie mortali non è peggiorata".
L'associazione rileva che "non c'è stata quella sequela di omicidi e fughe che qualcuno adombrava. Solo alla fine del 2016 e al giro di boa del primo anno della legge, potremo farci un'idea più chiara dell'andamento della pirateria stradale, e ancor di più ci faremo un'idea dell'andamento dell'incidentalità in generale, anche se non era pensabile che la legge sull'omicidio stradale (ancora poco conosciuta e con qualche non indifferente difetto costruttivo) potesse incidere sul dato generale della sinistrosità. Ma inciderà su quello della giustizia".
L'Asaps conclude affermando che per ridurre gli incidenti bisogna aumentare i controlli sulle strade, anche nelle ore notturne, "per intercettare ubriachezze, per contestare le violazioni sull'uso del cellulare alla guida, sul mancato uso delle cinture, sulla violazione dei tempi di guida e dei salti di riposo per i conducenti di veicoli pesanti e pullman".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.