Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Francia investirà tre miliardi nelle idrovie

    Francia investirà tre miliardi nelle idrovie

    Voies Navigables de France ha stabilito il piano d’investimenti fino al 2030, che prevede uno stanziamento fino a tre miliardi di euro per potenziare il trasporto fluviale delle merci. Trecento milioni saranno spesi quest’anno.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Merci stabili per Gnv che prevede investimenti


    Nel 2016, Grandi Navi Veloci ha aumentato i ricavi da 307 a 318 milioni di euro (in aumento di 2,3 milioni il trasporto passeggeri e di 11,4 milioni i ricavi per i noleggi delle navi, in calo di 3,8 milioni invece le merci), il margine operativo lordo è salito da 47,2 a 50 milioni di euro e il risultato operativo è tornato positivo per 1,3 milioni (era negativo per 4,5 milioni nel 2015).
    Il bilancio dell'ultimo esercizio è nonostante ciò ancora in rosso per poco meno di 12 milioni, in miglioramento rispetto ai 15,7 milioni dell'esercizio precedente) e, così come nel 2015, le perdite sono state superiori al terzo del capitale e dunque il socio di controllo (la Marinvest del gruppo Msc) ha proposto di ridurre il capitale da 169,9 milioni a 95,9 milioni. L'anno scorso i passeggeri trasportati sono aumentati del 5,6% (da 1,45 a 1,54 milioni) mentre i metri lineari di merce trasportata sono rimasti praticamente stabili (-0,4%) a 1,78 milioni.
    L'indebitamento complessivo è sceso da 371,8 a 359,5 milioni di euro e in particolare l'esposizione verso gli istituti di credito è scesa da 312 a 220 milioni di euro a seguito del rifinanziamento del debito concluso l'anno scorso con le banche (pool composto da Mediobanca, Unicredit, Intesa Sanpolo, Mps, Bpm, Banco Popolare e Ubi Banca). A fine maggio dell'anno scorso Gnv ha provveduto a rifinanziare il proprio indebitamento con un finanziamento bancario da 245 milioni di euro con scadenza a fine maggio del 2021 e con un prestito obbligazionario di complessivi 75 milioni di euro piazzato a investitori istituzionali e avente durata 6 anni e con rimborso integrale alla scadenza fissata a fine maggio 2022.
    La competizione nel business dei collegamenti marittimi per passeggeri e merci in Italia si sposta nei cantieri navali asiatici. Oltre al Gruppo Grimaldi che nel giro di poche settimane dovrebbe formalizzare un ordine per sei nuove navi ro-ro dedicate prevalentemente al trasporto di carichi rotabili, il gruppo Msc controllato da Gianluigi Aponte non vuole essere da meno e a sua volta sembra pronto a rivolgersi alla cantieristica navale asiatica per costruire quattro nuovi traghetti (con opzioni per ulteriori quattro unità) destinati alla controllata Grandi Navi Veloci che già possiede dieci navi.
    Secondo quanto riporta la rivista online Ship2Shore sarebbe anche stata firmata già una lettera d'intenti con il cantiere cinese Guangzhou Shipyard International, azienda parte del gruppo China State Shipbuilding Corporation (alleata cinese di Fincantieri), ed entro breve dovrebbe tradursi in un vero e proprio contratto di costruzione.
    Nello specifico si tratta di una commessa del valore di quasi 450 milioni di dollari per quattro traghetti (con opzioni per ulteriori quattro) con capacità di trasportare oltre 2mila passeggeri e circa 3mila metri lineari di carico rotabile (auto e camion) nel garage. Grazie a queste nuove navi che entreranno in servizio presumibilmente a partire dal 2019 Grandi Navi Veloci rinnoverà e potenzierà la propria flotta migliorando in un colpo solo la redditività delle linee operate grazie a una maggiore capacità di trasporto e a prestazioni migliori nei consumi di carburanti. Dall'ultimo bilancio della società si apprende infatti che la propulsione delle nuove navi avrà una predisposizione per utilizzare in futuro anche il Gnl (gas naturale liquefatto).
    A questa nuova commessa per navi ro-ro avrebbe dovuto partecipare secondo i piani originari anche Moby ma, a quanto risulta, in questa fase la società di Vincenzo Onorato si è fatta da parte e quindi la compagnia guidata da Mattia Catani procederà da sola al nuovo investimento.

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • La Cin Tirrenia rischia il fallimento

    La Cin Tirrenia rischia il fallimento

    Il Tribunale di Milano respinge una nuova richiesta di rinvio del concordato preventivo avanzata da Cin Tirrenia e la Procura chiede la procedura di fallimento. I giudici milanesi aprono anche un’inchiesta conoscitiva per Moby su contributi ai partiti e spese per i vertici aziendali.

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Strage in magazzino FedEx d’Indianapolis

LOGISTICA

K44 podcast: come cambia l’offerta di lavoro nella logistica

LOGISTICA

Venezia vuole produrre idrogeno verde per il trasporto

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico

LOGISTICA

Allarme anche per la carenza di materie plastiche
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Dkv avvia il pagamento telematico in Italia

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo
previous arrow
next arrow
Slider