Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Grande America ha affondato 2210 veicoli e 365 container


Quando è affondata, il 12 marzo 2019, la con-ro Grimaldi Grande America navigava con un consistente carico di rotabili, container e merci generiche, imbarcato ad Anversa e Amburgo. Il suo lungo viaggio verso sud prevedeva toccate a Casablanca (Marocco), Dakar (Senegal), Conakry (Guinea), nei porti brasiliani di Suape, Vitoria, Rio de Janeiro, Santos e Paranagua, poi a Zarate (Argentina) e Montevideo (Uruguay). L'armatore ha precisato oggi che i suoi garage ospitavano 2210 veicoli, di cui 1298 nuovi, usciti dagli stabilimenti di alcuni costruttori europei, mentre i ponti ospitavano 365 container, stivati sul ponte superiore (esterno) e i restanti sul ponte più basso. Di questi, quelli con merci pericolose, secondo la classificazione Imo, erano 45, di cui 34 stivati sul ponte superiore e il resto all'interno della nave. "Con riferimento al trasporto di merci classificate Imo, il Gruppo Grimaldi ha in atto da tempo una politica molto severa, ben oltre i requisiti di classe per questo tipo di nave, con oltre cento tipologie di merci espressamente vietate (inclusi esplosivi, materiali radioattivi, corrosivi e tossici, ecc.)", precisa la compagnia.
Grimaldi annuncia di avere avviato una procedura anti-inquinamento con l'invio sul punto dell'affondamento la nave specializzata Union Lynx, che sta verificando qualsiasi fuoriuscita di carburante dalla Grande America e sta organizzando il recupero dei container che stanno galleggiando. Inoltre, un gruppo di esperti nel campo dei sinistri marittimi e della prevenzione dell'inquinamento è già a Brest per controllare la situazione ambientale e consigliare ulteriori misure, in coordinamento con le autorità francesi. Infine, Grimaldi svolgerà un'indagine sottomarina del relitto, che giace a 4600 metri di profondità, usando la Pourquoi Pas, dotata di un moderno ROV (Remotely Operated Vessel), un sottomarino a comando remoto.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    I giornali di agosto hanno lanciato l'allarme sull’aumento delle accise sul gasolio e Conftrasporto minaccia il fermo dell’autotrasporto. Ma per ora è solo un’ipotesi di lavoro del ministero dell’Ambiente, che comunque escluderebbe i veicoli industriali.

Logistica

Mare

  • Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    L’ Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale ha avviato una collaborazione con alcuni enti italiani e tedeschi per sviluppare tecnologie terminalistiche e doganali col porto di Amburgo.