Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

La Cina rafforza la presenza a Rotterdam


Il 18 dicembre 2019 la società terminalista Apm Terminals ha annunciato la firma di una lettera d'intenti per vendere alla cinese Hutchison Ports la sua controllata Apm Terminals Rotterdam, che gestisce un terminal container nel porto di Rotterdam, adiacente a quello Ect Delta, controllato da Hutchison. Con questo accordo, il terminalista di Hong Kong potenzia la sua attività nel porto olandese. Apm Terminals precisa che l'accordo prevede il mantenimento per cinque anni nel terminal venduto dei volumi attualmente scalati dalle navi del Gruppo A.P. Moller-Maersk e che Apm Terminals Rotterdam continuerà a esistere come entità indipendente, mantenendo gli attuali livelli occupazionali. Prima di completare la vendita, Apm Terminals terrà incontri con i sindacati. Il terminal venduto ha una capacità di 3,5 milioni di teu e un piazzale di cento ettari. La società danese mantiene a Rotterdam i terminal nel bacino Maasvlakte II, inaugurati nel 2015.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare