Array ( [0] => 14 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Versalis fatica con la logistica italiana


    Il sistema infrastrutturale italiano non favorisce, o forse sarebbe meglio dire penalizza, il trasporto intermodale. L'ultima importante azienda a lanciare un duro monito su questo tema è Versalis, azienda del gruppo Eni attiva nei settori della chimica di base, delle materie plastiche, delle gomme e della chimica da fonti rinnovabili. Ad affermarlo pubblicamente in occasione dell'ultimo convegno organizzato a Milano da Fercargo è stato Fabio Giovanni Atzei, responsabile logistica di Versalis-Eni, che ha definito l'Italia come un Paese che "penalizza la logistica delle aziende del chimico".
    Versalis ha 36 stabilimenti in l'Europa, di cui 14 in Italia, dove produce ogni anno circa 6 milioni di tonnellate e nel 2015 ha spedito complessivamente 4,2 milioni di tonnellate di merce attraverso navi bulk, 388.600 tonnellate sono andate invece su treni completi, oltre 2,5 milioni di tonnellate hanno utilizzato il trasporto stradale (e intermodale) e infine 113.550 tonnellate di merce hanno viaggiato in container marittimi.
    Durante il suo intervento al convegno milanese, Atzei ha spiegato le complicazioni con cui Versalis deve quotidianamente fare i conti per le differenze tuttora esistenti fra gli standard europei e italiani dei convogli merci in termini di portata e lunghezza. Difficoltà che si traducono nel dover fare (per ragioni di convenienza economica) treni blocco su alcune relazioni, salvo poi spezzare i convogli su altre direttrici.
    La società effettua mediamente dieci treni blocco ogni settimana: il 60% trasporti prodotti pericolosi in ferro cisterna e il restante 40% prodotti non pericolosi in casse mobili su pianale o carri chiusi tradizionali. Da un punto di vista geografico, sono perfettamente bilanciati i trasporti internazionali in partenza dall'Italia e i trasporti nazionali.
    Nella sua disamina sul quadro infrastrutturale italiano, Atzei ha spiegato che Versalis per i suoi stabilimenti del Nord Italia sfrutta maggiormente l'intermodalità treno-camion mentre al Sud, soprattutto dal porto di Brindisi, la catena logistica più competitiva è quella che sfrutta le autostrade del mare verso il Nord Italia, la Spagna e i Balcani. "Purtroppo – ha aggiunto il responsabile logistica di Versalis – molti porti italiani oggi non sono collegati alla ferrovia e andrebbero potenziate le reti di trasporto verso il Sud Italia".

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion

TECNICA

K44 videocast: Bruxelles prepara l’Euro VII per il diesel

TECNICA

Nuovo semirimorchio granvolume e leggero di Kögel
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Prosegue lo sciopero SiCobas alla FedEx

LOGISTICA

Amazon avvia apprendistato per manutenzione nella logistica

LOGISTICA

Via ai cantieri per logistica Amazon di Vicenza

LOGISTICA

Ceva lancia la divisione Forpatients per la logistica sanitaria

LOGISTICA

Alleanza giapponese per il camion elettrico
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile

CAMIONSFERA

Campagna di controlli nell’autotrasporto animali a Pasqua

CAMIONSFERA

Test anti-Covid per camionisti che entrano in GB

CAMIONSFERA

Scoperta frode fiscale nel commercio di camion

CAMIONSFERA

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

CAMIONSFERA

Arriva dalla pioggia l’energia per muovere i camion
previous arrow
next arrow
Slider