Array ( [0] => 14 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Hupac vede già la ripresa nel secondo semestre 2020

Come era prevedibile, la battuta d’arresto c’è stata. Ad aprile 2020 in piena era lockdown a causa del coronavirus si è registrato un forte calo dei volumi di trasporto con un picco anche del 50%, ma già il mese successivo il taglio delle spedizioni si è limitato al 25%. Per Hupac, la società svizzera specializzata nel trasporto combinato strada-ferrovia, nel secondo trimestre 2020 si è invertita la tendenza positiva dei primi mesi dello stesso anno e soprattutto nei confronti del risultato definito storico del 2019. “L’azienda è finanziariamente sana e si è assicurata un’ulteriore liquidità in vista di uno scenario di crisi più lungo”, osserva Hans-Jörg Bertschi, presidente del Consiglio di amministrazione di Hupac e “ci aspettiamo una graduale ripresa dei volumi di trasporto in tutta Europa nella seconda metà del 2020”. Perché questo avvenga è però necessario prevede misure efficaci a sostegno del trasporto combinato. La Svizzera ha già assunto questo impegno, in Italia è stato confermato il ferrobonus, Hupac si attende che lo stesso avvenga anche in Germania, il più importante mercato e paese di transito in Europa.

Nel 2019 il Gruppo svizzero con sede centrale a Chiasso, per la prima volta ha trasferito oltre un milione di spedizioni dalla strada alla rotaia con un aumento del 10,5% rispetto all’anno precedente. Il fatturato ha raggiunto i 568 milioni di euro (+5,4%), mentre il risultato d’esercizio, seppur positivo, si è ridotto a 4,7 milioni di euro a causa sia degli effetti valutari negativi, sia per poste di bilancio straordinarie nel 2018. Positivi anche gli investimenti in terminal, materiale rotabile e tecnologie, che hanno raggiunto i 70 milioni di euro. Di questi, 30 milioni sono stati destinati a potenziare la flotta costituita da quasi 7300 carri (+5,9%) e 21 locomotori da manovra o di linea di proprietà. Mille di questi carri sono dotati di unità Gps per la geolocalizzazione, mentre 250 hanno il dispositivo di identificazione a radiofrequenza (Rfid) utile nella manutenzione predittiva.

Nei terminal sono stati investiti 35 milioni di euro: da segnalare che nell’ottobre 2019 Hupac ha acquisito la maggioranza della società terminalistica Cim Interporto di Novara, mentre restano da sviluppare in collaborazione con Mercitalia Logistics le strutture di Milano, Piacenza e Brescia. Importanti gli investimenti anche nelle tecnologie, con la digitalizzazione delle prenotazioni. Il terminal di Busto Arsizio-Gallarate ha esteso l’uso dei portali Ocr che rendono possibile ridurre i tempi di movimentazione di un treno fino a venti minuti.

Nonostante la battuta d’arresto per l’emergenza sanitaria, il 2020 è partito all’insegna di nuovi collegamenti. A gennaio hanno preso il via i giornalieri Rotterdam-Melzo e Novara-Pescara per i rimorchi a sagoma P400. In aprile è partito il primo treno shuttle tra Perpignan e Colonia per i rimorchi a grande sagoma, un’innovazione pionieristica per il mercato tra la Spagna e la Francia meridionale. Sempre in aprile è entrato in funzione il servizio feeder giornaliero Geleen-Moerdijk con ulteriori collegamenti verso il Regno Unito e l’Italia.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Indotek acquista il 24% di Waberer’s

    Indotek acquista il 24% di Waberer’s

    Il fondo d’investimento Mid Europa Partners ha annunciato la vendita del 24% delle sue azioni della società di autotrasporto e logistica ungherese Waberer's International al fondo d’investimento e sviluppo immobiliare ungherese Indotek. Possibili altre cessioni in futuro.

Logistica

  • Indotek acquista il 24% di Waberer’s

    Indotek acquista il 24% di Waberer’s

    Il fondo d’investimento Mid Europa Partners ha annunciato la vendita del 24% delle sue azioni della società di autotrasporto e logistica ungherese Waberer's International al fondo d’investimento e sviluppo immobiliare ungherese Indotek. Possibili altre cessioni in futuro.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.