Array ( [0] => 14 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Autotrasporto contro modalità erogazione marebonus

La Legge di Bilancio 2020 approvata dal Senato (e che presto lo sarà anche alla Camera) prevede uno stanziamento di venti milioni di euro per il 2021 per il marebonus, ossia il contributo al trasporto combinato strada-mare, che originariamente era noto come ecobonus (termine poi passato all'edilizia). E proprio su questa trasformazione interviene l'associazione degli autotrasportatori Trasportounito, secondo cui essa non riguarda solamente il nome, ma anche le modalità di erogazione. In una nota diffusa il 17 dicembre 2019, l'associazione afferma che a differenza dell'ecobonus, che era gestito direttamente dalle imprese di autotrasporto, il marebonus viene erogato direttamente all'armatore.
Teoricamente, le compagnie marittime dovrebbero girare il 70% delle somme ricevute agli autotrasportatori che imbarcano i loro veicoli sulle navi, a condizione che ogni impresa imbarchi più di 150 unità l'anno. Per il restante 30%, le compagnie dovrebbero fornire un rendiconto degli investimenti compiuti nei progetti che, secondo quanto prevede il ministero dei Trasporti, "devono essere pertinenti, congrui, effettivi, temporalmente riferibili, comprovabili, legittimi, contabilizzati e tracciabili". Inoltre, la compagnia dovrebbe dichiarare gli interventi sull'impatto ambientale e impegnarsi a "non incrementare immotivatamente i prezzi di listino praticati durante il periodo di incentivazione".
Secondo Trasportounito, il sistema non sta funzionando in questo modo, innanzitutto perché in questi giorni gli armatori hanno annunciato aumenti delle tariffe dei traghetti. Questa situazione "sta facendo esplodere, nelle politiche di incentivazione delle autostrade del mare, una contraddizione a dir poco clamorosa". Essa riguarda gli aumenti che saranno causati dall'introduzione obbligatoria, da gennaio 2020, del carburante a basso tenore di zolfo sulle navi, che ha costi notevolmente maggiori rispetto a quello attuale. Trasportounito spiega che "lo Stato si trova infatti a pagare gli armatori per inquinare di meno e gli armatori, intestatari dei contributi del marebonus, nel momento di porre in essere misure per ridurre l'inquinamento e investire, fanno bis (contributi e aumento record dei noli) facendo pagare il conto all'autotrasporto".
Quindi, l'associazione degli autotrasportatori chiede una verifica urgente da parte delle istituzioni interessate alla questione sulle modalità e utilità con cui vengono erogati gli incentivi. Il 20 dicembre, Trasportounito metterà a punto le azioni da intraprendere "sia sulle strade sia nei confronti delle istituzioni".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Nel giro di pochi giorni la Polizia ha scoperto due autisti di veicoli industriali, a Brescia e a Novara, che viaggiavano con patenti e documento d’identità falsi. Un fenomeno di cui non si conoscono ancora i contorni, ma per pochi euro si può acquistare un documento online.

Logistica

  • Arriveranno in Europa i camion a idrogeno  Hyzon

    Arriveranno in Europa i camion a idrogeno Hyzon

    Con un tweet diffuso l’11 luglio, l'imprenditore olandese Max Holthausen ha annunciato la nascita della filiale europea del costruttore statunitensi di veicoli industriali elettrici alimentati a idrogeno Hyzon Motors. Produrrà camion a celle combustibili con cabina Daf.

Mare

  • La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    Aumentano le adesioni al comitato Salviamo Genova e la Liguria, che riunisce le associazioni del trasporto merci che ruotano intorno allo scalo ligure e che il 22 luglio viaggeranno verso Roma per sollecitare soluzioni al caos viabilistico. Spediporto valuta danni per un miliardo di euro.