Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

ASTRE Italia si rafforza con nuovi associati


La rete nata in Francia che aggrega piccole e medie imprese per offrire una gamma completa di servizi di trasporto e di logistica cresce e si consolida in Italia, acquisendo nuovi associati che vantano una lunga tradizione nel settore. Dallo scorso settembre, sono entrate in ASTRE Italia Avanzini Trasporti di Nogarole Rocca (Verona), Pierri Trasporti di Fisciano (Salerno) e Serapide Trans di Maddaloni (Caserta). Sono tre realtà che arricchiscono il raggruppamento con competenze e specializzazioni diverse.

Groupage e logistica

La famiglia Avanzini di Nogarole Rocca è giunta alla quarta generazione operante nel trasporto e l'attuale struttura aziendale; Avanzini Trasporti Srl, è stata fondata negli anni Ottanta da Bruno e Giuseppe Avanzini. "Nel tempo ci siamo specializzati nel trasporto di groupage su pallet in ambito internazionale e nel 1996 abbiamo aperto una filiale a Monaco di Baviera", spiega Gianluca Avanzini, figlio di Bruno (che è l'amministratore delegato) e responsabile delle attività internazionali. L'attività prevalente è il trasporto da una a tre pedane per Germania, Benelux, Austria e Francia, oltre che nel territorio nazionale. "Più recentemente abbiamo esteso i servizi e nel 2009 è nata Avanzini Logistica". L'azienda ha una flotta composta da 30 trattori stradali e 40 semirimorchi centinati, tra cui sei con pavimento mobile: "Questi ultimi li usiamo per una rotta specifica, portando dall'Italia alla Germania pallet e in senso inverso granaglie sfuse, per il cui scarico veloce usiamo il walking floor", precisa Avanzini.
La società veneta ha già avuto esperienza nei network dell'autotrasporto e quando ha saputo di ASTRE Italia tramite giornali e web si è interessata a questa esperienza. "Conoscendo più da vicino l'esperienza di ASTRE, mi sono reso conto che ha una marcia in più e ho visto tra i suoi associati uno spirito di collaborazione speciale. Ora vogliamo partecipare attivamente a questo spirito portando la nostra esperienza nel trasporto internazionale".
In ASTRE Italia, Gianluca Avanzini collabora a un nuovo progetto per il trasporto nell'ultimo miglio di pedane. Rispetto allo schema tradizionale presenta importanti novità, che saranno presentate quando la fase progettuale sarà completata con uno specifico strumento informatico.

Alimentare in tutta Europa

Il primo a interessarsi al trasporto nella famiglia Pierri fu Luigi, che nel lontano 1915, avviò un'attività al servizio dei porti di Salerno e Napoli. Suo figlio Gerardo la proseguì sviluppando l'autotrasporto a livello nazionale e con l'ingresso dei suoi figli Giovanni e Luigi negli anni Ottanta, la rete si estese fuori dai confini europei. Oggi, la Pierri Trasporti opera con una flotta di 25 trattori e 30 semirimorchi, più una motrice e alcuni furgoni per la distribuzione. "Buona parte della nostra attività consiste nel trasporto di prodotti alimentari a temperatura ambiente per alcune multinazionali, integrata da trasporti per l'automotive e per l'edilizia", afferma Giovanni Pierri, socio amministratore della società. Già il fondatore, Luigi Pierri, credeva nella collaborazione tra imprese e negli anni Cinquanta fondò una cooperativa di autotrasportatori. "L'aggregazione l'abbiamo nel sangue", spiega Giovanni Pierri. "Per sviluppare relazioni nazionali e internazionali cercavamo un network, ma eravamo molto selettivi, perché proprio la nostra esperienza passata ha dimostrato che la cooperazione deve avere solide basi per durare nel tempo". In questa ricerca, Giovanni Pierri si è imbattuto in ASTRE Italia: "Mi ha colpito all'inizio la sua differenza dalle forme tradizionali d'aggregazione, quindi ho voluto approfondire la conoscenza incontrando i suoi riferimenti. Da questi incontri ho tratto una valutazione positiva e ho quindi deciso di associarmi. ASTRE permette di avere una dimensioni di piccola azienda, ma offrendo le potenzialità di una grande".

Combinato strada-rotaia

Il trasporto intermodale ferroviario sta vivendo una fase di crescita in Italia, che porta allo sviluppo sia delle compagnie ferroviarie, sia degli autotrasportatori che servono la consegna dal terminal al destinatario della merce. Serapide Trans ha avuto la capacità d'inserirsi in questo settore offrendo diverse attività fondamentali: non solamente il trasporto stradale, ma anche la logistica. "Siamo un operatore dello scalo delle Ferrovie dello Stato di Maddaloni Marcianise dove operiamo in un magazzino raccordato", spiega Antonio Simeoli, amministratore unico dell'azienda casertana, "Scarichiamo i treni e stocchiamo la merce, una parte della quale distribuiamo noi stessi in Campania, Puglia e Calabria, inoltre, disponiamo di un carroponte da 40 tonnellate per lo scarico e stoccaggio di materiale siderurgico, il tutto avviene in magazzini dove giungono al coperto vagoni ferroviari ". Serapide Trans ha anche attivato un proprio treno blocco: "È un convoglio di carri convenzionali nato per servire un solo cliente sulla tratta Tra Maddaloni e Brescia, ma che nel tempo è diventato multicliente con una frequenza di un viaggio la settimana, che intendiamo raddoppiare presto. Inoltre, spediamo per i nostri clienti caricando casse mobili su treni di altri operatori per Milano, Piacenza e Verona". Oltre alla parte ferroviaria, l'azienda serve la tratta stradale con 18 autoarticolati propri.
Nel trasporto intermodale, la collaborazione tra aziende è il pilastro fondamentale dell'attività e quindi Serapide Trans ha già l'impostazione per aderire a una rete strutturata. "Siamo certi che l'intermodalità ferroviaria crescerà ancora nei prossimi anni e quindi cerchiamo collaboratori in Italia e all'estero per avviare nuovi servizi. Per questo motivo abbiamo aderito ad ASTRE, che offre una rete capillare ed efficiente. Abbiamo conosciuto altri soci che operano nel nostro settore e stiamo preparando alcuni progetti da condividere con la comunità di ASTRE".

Crescita costante

"Siamo lieti e orgogliosi dell'ingresso dei nuovi tre associati, che portano in ASTRE Italia nuove energie e competenze", dichiara Fabiano Benazzi, presidente della rete italiana. "Avanzini Trasporti, Pierri Trasporti e Serapide Trans hanno il profilo tipico degli astriani. Infatti, sono PMI con una solida tradizione familiare, che intendono crescere all'interno di una comunità dove condividere alcuni servizi e sviluppare nuovi progetti". ASTRE Italia prosegue nella valutazione di candidature di nuovi associati per potenziare la compagine italiana con nuove risorse. "Oltre a rinforzarci dove siamo già presenti, vogliamo radicarci in aree meno presidiate dagli astriani, come Liguria, Umbria, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna". Intanto, la collaborazione tra gli associati crea nuovi servizi, come la recente linea diretta del servizio Pallet System (trasporto espresso di pedane) tra Italia e Belgio.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 videocast: il cronotachigrafo nel Primo Pacchetto Mobilità

    K44 videocast: il cronotachigrafo nel Primo Pacchetto Mobilità

    Tra le principali innovazioni adottate dal Primo Pacchetto Mobilità alcune riguardano il cronotachigrafo e le norme sul riposo degli autisti, che potranno cambiare l’autotrasporto internazionale in termini di costi e organizzazione. Ne parla questo episodio del videocast K44 Risponde.

Logistica

  • Prosegue la vertenza sul contributo postale

    Prosegue la vertenza sul contributo postale

    Il Tar del Lazio ha respinto gli ultimi ricorsi delle associazioni del trasporto avevano intrapreso contro l’Agenzia delle Comunicazioni e il ministero dello Sviluppo Economico sui servizi postali. Sette di loro hanno scritto alla ministra dei Trasporti.

Mare

  • Moby cerca aiuto nei fondi d’investimento

    Moby cerca aiuto nei fondi d’investimento

    Il 28 ottobre scade il termine entro cui Moby deve presentare il piano concordatario, ma è probabile un rinvio perché la compagnia marittima sta dialogando con alcuni fondi d’investimento.