Primo piano

  • La Liguria vuole raggiungere sei milioni di teu

    La Liguria vuole raggiungere sei milioni di teu

    L'autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia che ad agosto 2019 è ripresa la crescita dei traffici container dopo il crollo del ponte Morandi e l'obiettivo è raddoppiare i volumi entro il 2026, considerando anche Savona.  

Podcast K44

Normativa

Ferma la consegna di card per cronotachigrafo


Il vero caos sul rinnovo delle carte per il cronotachigrafo non è ancora avvenuto solo perché fino a metà giugno abbiamo potuto distribuire quelle provenienti da altri Paesi europei, ma il 15 giugno è terminato il periodo transitorio che permetteva la "importazione" delle card dall'estero e per distribuire quelle fatte in Italia bisogna aspettare la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale sulle istruzioni per l'omologazione. Per comprendere che cosa sta succedendo bisogna sapere che dal 15 giugno, giorno in cui è entrato in vigore il cronotachigrafo di seconda generazione per tutti i veicoli industriali di nuova generazione, le Camere di Commercio possono rilasciare solo le carte compatibili con questo equipaggiamento. Le devono avere necessariamente le officine autorizzate che svolgono la taratura e la manutenzione dei cronotachigrafi e gli organi di controllo, mentre autisti e imprese possono usare quelle precedenti. Però, nel momento in cui un autista o un'impresa chiede una nuova carta, perché inizia l'attività o perché è scaduta o ha smarrito quella in suo possesso, bisogna necessariamente dargliene una di nuova generazione.
Le norme comunitarie prevedono che fino al 15 giugno gli Stati che per vari motivi non riuscivano a produrre proprie card potevano chiederle ad altri Paesi comunitari. Ed è quello che è avvenuto in Italia per le prime carte delle officine, che provenivano dalla Francia. Ma ora questa fonte si è esaurita e fino alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto ministeriale che definisce le caratteristiche delle nuove carte le Camere di Commercio non possono distribuirle. Quindi, le officine che non hanno ottenuto le nuove carte non possono tarare i cronotachigrafi sui camion di nuova immatricolazione, mentre autisti e autotrasportatori che hanno chiesto una nuova carta devono aspettare. E non si sa quando sarà pubblicato il Decreto.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

  • Camionisti scioperano in Senegal contro il racket dei controlli

    Camionisti scioperano in Senegal contro il racket dei controlli

    Gasolio troppo caro, mancanza di aree di sosta per riposare e controlli su strada da parte della Polizia che si traducono nel pagamento di tangenti: questi sono i motivi che hanno spinto migliaia di autisti di camion senegalesi a spegnere i motori il 19 febbraio 2020.

Logistica

  • Il coronavirus si avvicina alla logistica italiana

    Il coronavirus si avvicina alla logistica italiana

    Il primo focolaio italiano del virus Covid-19 è stato rilevato nella provincia di Lodi, una delle aree più importanti per la logistica e il trasporto delle merci. Una quarantena in queste piattaforme potrebbe causare gravi disagi alla supply-chain. Serve un piano d’emergenza anche per questo settore, essenziale al rifornimento di …

Mare

  • Cma Cgm cancella alcune partenze verso l’Italia

    Cma Cgm cancella alcune partenze verso l’Italia

    La compagnia marittima francese Cma Cgm ha ridotto le partenze di portacontainer dalla Cina a causa del coronavirus e alcune di queste coinvolgono anche i porti italiani. La compagnia francese mette in guardia anche sulle criticità legate ai container refeer nel Paese asiatico.