Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Rinnovata cassa integrazione per portuali di Taranto


A gennaio 2020 è prevista la scadenza della cassa integrazione (o più precisamente l'indennità di mancato avviamento) per i cinquecento ex dipendenti del Taranto Container Terminal, lasciandoli così senza alcun reddito poiché l'impianto è stato dismesso. Ma sta arrivando il rinnovo per altri 24 mesi, all'interno di un emendamento alla Legge di Bilancio approvato dal ministero dell'Economia e delle Finanze. Nei giorni scorsi i sindacati confederali avevano sollecitato la proroga dell'ammortizzatore sociale, in attesa che la società terminalista turca Yilport, che ha vinto la concessione per il terminal, attivi l'impianto e possa ricollocare i lavoratori. Intanto emerge la proposta di cerare a Taranto un porto franco, che servirebbe anche a rilanciare l'economia dell'intera città dopo la crisi dell'Ilva.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    L’amministratore delegato di Tirrenia, Massimo Mura, ha annunciato che dal 1° dicembre la compagnia eliminerà alcuni collegamenti in regime di continuità territoriale con la Sardegna a causa dell’incertezza sulla proroga della convenzione.