Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Il porto di Ancona sposta i camion allo scalo Marotti


L'Autorità di Sistema Portuale del mare Adriatico Centrale (con sede ad Ancona) ha annunciato di aver formalizzato l'acquisto da Rfi dell'area dello scalo ferroviario Marotti, che sorge su una superficie complessiva di 31mila metri quadrati. La stessa Autorità portuale precisa che nell'area sono stati già spostati, in via sperimentale, i mezzi pesanti che prima sostavano al molo Rizzo in attesa di compiere le operazioni di dogana. "Una scelta di razionalizzazione logistica, avviata a inizio giugno, che ha lo scopo di allontanare i traffici commerciali dalla zona storica del porto" si legge in una nota, che aggiunge: "L'atto comprende anche l'acquisto delle due palazzine che insistono nell'ex scalo, già sede della scuola di formazione di Rfi, per una superficie totale di circa 800 metri quadrati, che saranno destinate alle attività doganali necessarie all'imbarco e allo sbarco dalle navi traghetto compiute da Dogana, Guardia di Finanza e spedizionieri". L'importo complessivo dell'acquisto è di poco superiore al milione di euro.
Rodolfo Giampieri, presidente dell'Autorità di Sistema Portuale, ha commentato questa operazione dicendo: «Era uno dei nostri obiettivi principali spostare i tir in una zona distante dal centro del porto, più vicina agli imbarchi, con un'incidenza minore del traffico in area portuale introducendo anche concetti di forte innovazione tecnologica. Una decisione che permetterà anche un risparmio stimato in circa 60 mila chilometri l'anno di mezzi pesanti percorsi all'interno dello scalo, con evidenti ripercussioni anche da un punto di vista ambientale».

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’Europa riforma l’autotrasporto internazionale

    L’Europa riforma l’autotrasporto internazionale

    La sera dell’8 luglio il Parlamento Europeo ha approvato definitivamente il Primo Pacchetto Mobilità, che cambia le regole sul riposo e il distacco degli autisti, il cabotaggio stradale, il cronotachigrafo e la costituzione di società di comodo all’estero. Un passo avanti contro il dumping sociale e la concorrenza sleale nell’autotrasporto.

Logistica

Mare