Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Due petroliere bruciano nel Golfo, sale il petrolio


La mattina del 13 giugno si è diffusa in tutti i media del mondo la notizia che la Kokuka Courageous, carica di metanolo e in rotta verso Singapore, e la Front Altair, carica di nafta e diretta a Taiwan, hanno preso fuoco dopo alcune esplosioni. Gli incendi sono scaturiti nel Golfo dell'Oman, vico allo Stretto di Hormuz, uno dei bracci di mare più trafficati, soprattutto da petroliere e portacontainer, e strategici del mondo. È una zona molto calda, a causa non solo della posizione strategica nella navigazione commerciale, ma anche della frizione tra Arabia Saudita e Iran, che sta causando una feroce guerra civile nel vicino Yemen.
Le navi hanno inviato la richiesta di soccorso alle 6:12 e alle 7.00 di stamane. Le prime informazioni affermano che le esplosioni potrebbero essere causate da armi, forse siluri o mine, ma per ora nulla è sicuro, anche se sarebbe una strana coincidenza una causa interna avvenuta nello stesso posto e nello stesso tempo a due navi. Inoltre, questo non è il primo attacco a cargo in quella regione: il 12 maggio vennero danneggiate quattro navi, probabilmente a causa di mine. Subito dopo la notizia dei due incendi il prezzo del petrolio è aumentato del 4% e il Brent ha raggiunto i 62 dollari al barile. Nulla in confronto a quello che potrebbe accadere nel caso di un conflitto. Nel pomeriggio, il quotidiano britannico Telegraph scrive che la Front Altair, con bandiera norvegese, sarebbe stata colpita da un siluro. Gli equipaggi di entrambe le navi sono stati salvati da unità iraniane e militari statunitensi.
Sul fatto è intervenuto anche Paolo D'Amico, in qualità di presidente dell'associazione degli armatori petroliferi International Association of Independent Tanker Owners, dichiarando di essere preoccupato della situazione dell'area: "Il rifornimento dell'intero Occidente potrebbe essere a rischio e sono molto preoccupato sulla sicurezza degli equipaggi che attraversano lo Stretto di Hormuz".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Nel 2021 sarà operativo l’autotrasporto europeo a punti

    Nel 2021 sarà operativo l’autotrasporto europeo a punti

    A gennaio 2021 diventerà operativo il Registro Europeo dell’Autotrasporto (Erru), che elencherà le imprese di trasporto stradale in conto terzi della Comunità e registrerà le infrazioni più gravi, che avranno un punteggio. Nei casi più gravi, l’impresa perderà l’autorizzazione.

Logistica

Mare

  • Accordo sui presidenti dei porti liguri

    Accordo sui presidenti dei porti liguri

    Il presidente della Regione Liguria ha firmato l’accordo sui due nomi proposti dalla ministra dei Trasporti per il rinnovo delle cariche delle Autorità di Sistema Portuale liguri.