Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Armatori contestano il decreto Clima e il Naspi

Secondo l'associazione degli armatori presieduta da Stefano Messina, la bozza del Decreto Clima e la recente circolare dell'Inps sulla Nuova assicurazione sociale sull'impiego (Naspi) istituita dal Decreto Dignità vanno nella direzione contraria rispetto alla difesa dell'ambiente e dell'occupazione. Per quanto riguarda il decreto Clima, l'associazione contesta il taglio lineare del 10% ai sussidi considerati "ambientalmente pericolosi", di cui beneficia anche il trasporto marittimo. Tali contributi, precisa Assarmatori "hanno permesso al cluster marittimo italiano di superare una pesante crisi, rilanciare l'occupazione e tornare ad essere competitivo con la concorrenza internazionale, mentre limitarli ora significherebbe colpire solo le imprese italiane, senza peraltro aiutare l'ambiente, visto che la maggioranza dei traffici nel Paese è operato da imprese che non sarebbero soggette a questa misura". La bozza del provvedimento prevede che i sussidi potranno sussistere solo nel caso di "miglioramento ambientale nella gestione della nave", senza però precisare quali siano. L'associazione sottolinea che da gennaio 2020 entrerà il vigore la riduzione, attuata a livello internazionale, de tenore di zolfo dei combustibili per nave da 3,5% allo 0,5%.
Il secondo provvedimento contestato da Assarmatori viene dall'Inps che con una circolare del 6 settembre 2019 modifica una precedente interpretazione del Decreto Diginità che esonerava il comparto marittimo dall'applicazione del contributo addizionale per la Nuova assicurazione sociale sull'impiego. Questa misura ha lo scopo di disincentivare le assunzioni a termine rispetto a quelle a tempo indeterminato perché impone alle prime un onere maggiore. " Il lavoro marittimo è per sua natura temporaneo o stagionale e i marittimi in regime di continuità di rapporto di lavoro, ovvero impiegati sempre dallo stesso unico armatore rappresentano una quota minima, mentre la stragrande maggioranza degli addetti è iscritta al cosiddetto Turno Particolare o al Turno Generale, una speciale lista presso gli uffici di Collocamento della Gente di Mare presso le Capitanerie di Porto, da cui obbligatoriamente gli armatori devono attingere per formare l'equipaggio delle proprie navi", spiega Assarmatori. In concreto, per il trasporto marittimo "se ad ogni nuova chiamata il contribuito Naspi dovesse aumentare dello 0,5% (non è previsto alcun limite all'incremento) è facile comprendere come, in tempi brevissimi, i costi diventerebbero insostenibili per qualsiasi armatore, con il risultato finale di generare un'enorme sacca di disoccupazione alimentata da migliaia di marittimi senza lavoro, in conseguenza di una crisi strutturale dell'intero comparto".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Assarmatori chiede aiuti per le autostrade del mare

    Assarmatori chiede aiuti per le autostrade del mare

    L’associazione degli armatori Assarmatori rivolge al Parlamento la richiesta di aiuti urgenti per le compagnie che gestiscono il combinato strada-mare, le rotte per le isole maggiori e quelle del cabotaggio.