Array ( [0] => 13 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Confetra delinea nell’Agorà la logistica post Covid

“Una logistica più competitiva deve essere il pilastro con cui rilanciare l’Italia dopo l’emergenza della Covid-19”: questo è il concetto alla base dell’intervento del presidente di Confetra, Guido Nicolini, al convegno online Agorà del 23 settembre 2020, che rappresenta da tre anni la parte pubblica dell’assemblea della confederazione del trasporto. Dopo avere riconosciuto che il Governo ha svolto una buona gestione generale dell’emergenza Covid-19, Nicolini ha aggiunto che “bisogna utilizzare questa fase per riprogettarsi completamente”. Il punto di partenza è la stima del gap logistico italiano: un costo supplementare di 70 miliardi di euro e per ridurlo ci vogliono semplificazione, digitalizzazione e diminuzione del costo del lavoro tramite il cuneo fiscale.

Dopo avere elogiato il Governo sull’emergenza, Nicolini lo ha criticato per gli scarsi provvedimenti dedicati al trasporto nel Decreto Semplificazione: “I controlli delle merci nei porti prevedono 133 procedimenti in carico a diciassette amministrazioni e se consideriamo tutte le modalità di trasporto superiamo i 450 procedimenti di 35 diverse amministrazioni. Bisogna semplificare, perché il tempo di trasferimento delle merci è un fattore competitivo sempre più importante”. Sempre in ambito normativo, Nicolini ha ribadito la necessità d’inserire nel Codice Civile il contratto commerciale per le spedizioni.

Anche sulla digitalizzazione il presidente di Confetra è partito da un dato economico: dei settanta miliardi di costi supplementari per la logistica italiana, trenta dipendono dai ritardi nella digitalizzazione. In questo caso, gli operatori devono affrontare situazioni completamente diverse nella Pubblica Amministrazione, che spaziano da un elevato grado di digitalizzazione (come avviene nelle Dogane) a casi in cui c’è solo carta e penna. “Serve un programma d’incentivi Servizi 4.0 analogo a quello Industria 4.0”, propone Nicolini.

Il terzo punto ritenuto fondamentale è la riduzione del costo del lavoro attraverso la riduzione del cuneo fiscale, che si può ottenere anche tramite la collaborazione con i sindacati, perché ciò favorirebbe imprese e lavoratori: “La logistica è un’attività ad alta intensità di lavoro. In Italia occupa direttamente 800mila persone, che diventano un milione e mezzo se consideriamo la prima fascia d’indotto, e il lavoro è la prima voce di costo. Durante il fermo causato dalla pandemia le nostre imprese hanno garantito la piena operatività, anche se mediamente hanno subito una contrazione dei volumi del venti percento. In concreto ciò significa che hanno dovuto occupare gran parte della loro manodopera, subendo nello stesso tempo una riduzione dei ricavi di 18 miliardi rispetto al 2019 e potendo beneficiare molto poco degli ammortizzatori sociali istituiti per l’emergenza e quindi con un costo del lavoro pressoché identico a quello normale”.

A proposito di sindacati, Nicolini ha ribadito che Confetra crede nel contratto nazionale Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni come unico testo riconosciuto, che serve anche per “fermare la concorrenza sleale attuata con contratti di lavoro pirata”. Bisogna quindi affrontare il rinnovo “con senso di responsabilità, focalizzandosi sulle misure necessarie a superare le ripercussioni economiche della pandemia”. Nicolini si rivolge anche alla committenza, rappresentata da Confindustria, chiedendo intese col mondo produttivo per il trasporto e la logistica, con l’obiettivo comune di aumentare la competitività del Paese. Ma il presidente di Confetra ha anche sottolineato che sul fronte degli armatori marittimi ci sono state durante l’emergenza pressioni sugli operatori per ridurre le tariffe del trasporto terrestre, mentre gli stessi armatori aumentavano in modo anche rilevante quelle imposte ai loro clienti per il carico dei container sulle navi.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Il costruttore tedesco Krone presenta una piccola unità di carico che si può trasportare con veicoli da 3,5 tonnellate, destinata alla distribuzione nell'ultimo miglio in ambito urbano.

Logistica

  • Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Il Gruppo ferrovie dello Stato sta valutando l’idrogeno come alimentazione alternativa al gasolio nei locomotori che non si possono collegare alla rete elettrica. Firmato un protocollo di ricerca con Snam.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.