Array ( [0] => 14 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Alessandria conquista il retroporto ferroviario di Genova

Il “porto secco” di Genova, almeno dal punto di vista ferroviario, sarà ad Alessandria. Dopo che sul tavolo della discussione erano emerse varie ipotesi, da quella di Rivalta a quella di Novi e non solo, l’ago della bussola ormai punta decisamente verso Alessandria. A maggio 2020 si è tenuta, in videoconferenza come impone l’emergenza sanitaria, la prima riunione operativa tra tutti i soggetti interessati, a partire da Rfi, insieme alle amministrazioni di Alessandria e Genova, Uirnet (la piattaforma logistica nazionale), il ministero dei Trasporti, la Fondazione Slala (Sistema logistico del Nord Ovest), l’Autorità portuale, e soprattutto il protagonista principale di questa nuova fase, vale a dire il sindaco di Genova Marco Bucci nella sua veste di commissario straordinario. Questo perché, se le acque del progetto si sono smosse è grazie alla legge speciale su Genova che ha previsto di destinare la somma di due milioni di euro per finanziare la redazione del piano infrastrutturale di Alessandria.

La scelta del capoluogo di provincia piemontese appare del tutto logica. Ad Alessandria è situato uno dei più vasti, per dimensione, scali ferroviari merci italiani che si estende per quasi un milione di metri quadrati e dispone di una quarantina di binari. Questo scalo è stato a lungo un protagonista di primo piano nella stagione del tradizionale smistamento merci ferroviario, quando si componevano e scomponevano i diversi treni raccoglitori verso le destinazioni assegnate. Poi la rivoluzione logistica giocata soprattutto sui treni completi e sui treni intermodali ha fatto venire meno questa esigenza è il grande scalo merci alessandrino è rimasto praticamente inutilizzato.


Ora la svolta arriva sulla spinta del progetto Genova e sull’esigenza, sempre più sentita, di creare un retroporto ferroviario, soprattutto in vista dell’apertura del Terzo Valico che sbuca proprio nell’alessandrino. Anche il cronoprogramma è ormai delineato: entro dodici mesi dovrà essere redatto il progetto di fattibilità tecnico-economica ed entro un anno e mezzo il progetto definitivo. Poi il via ai cantieri per l’adeguamento dello scalo alle nuove funzioni, ma sarà praticamente impossibile tagliare il nastro insieme a quello del Terzo valico.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Austria inasprisce divieti notturni per autotrasporto

    Austria inasprisce divieti notturni per autotrasporto

    Il Governo dei Tirolo austriaco ha emanato un’ordinanza che esclude il veicoli industriali a gas naturale dall’esenzione del divieto di circolazione notturno, per il quale introduce l’eccezione per il traffico di origine e destinazione.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.