Array ( [0] => 12 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

La Spagna valuta i treni merci sulle linee alta velocità

Fonte: Renfe

In Germania i treni ad alta velocità passeggeri e i convogli merci convivono fin dal 1988, da quando sono state realizzate e aperte le prime linee dedicate ai nuovi servizi veloci (NBS). Questo modello di esercizio è conosciuto come alta velocità “alla tedesca” per distinguerlo da quello francese impostato solo sulle LGV passeggeri. A dire il vero anche in Germania alcune linee di più recente costruzione sono riservate esclusivamente all’alta velocità degli ICE, ma sono un’eccezione. Il sistema tedesco è ormai ampiamente rodato in anni di attività e quindi potrebbe anche essere un modello da esportare.

Nonostante questa realtà consolidata, la Spagna ha deciso di non dare nulla per scontato e di approfondire con una serie di studi l’interrelazione tra i servizi veloci passeggeri e i convogli merci che condividono le stesse linee. Finora la gestione mista nella penisola iberica è stata confinata a poche tratte come quella di frontiera tra Spagna e Francia, in particolare tra Figueres e Perpignan che comprende il tunnel transfrontaliero dei Pirenei lungo poco più di 8 km.

Adif, il gestore della rete ferroviaria spagnola, nel febbraio 2020 ha dato incarico alla società Sener Ingeniería y Sistemas di analizzare gli effetti dei treni passeggeri e merci su tratti a traffico misto che percorrono le nuove linee a scartamento internazionale (1435 mm). Lo studio il cui costo sfiora i 450mila euro durerà quasi un anno e mezzo e include prove sul campo per osservare e analizzare le forze aerodinamiche esercitate quando un treno merci a 120 km/h incrocia un convoglio passeggeri che viaggia a oltre 200 km/h, questo sia all’aperto sia in galleria. Adif sostiene che nella letteratura tecnica ci siano poche informazioni sul comportamento dei carri ferroviari e dei carichi utili a tali velocità, in particolare per quanto riguarda i lunghi convogli intermodali.

La Spagna intende così estendere l’uso misto delle linee sull’intera tratta da Barcellona alla Francia e sulla rete ad alta velocità del nord che presenta ampi margini di sfruttamento a differenza della trafficata Madrid-Siviglia. Tutto questo anche per equilibrare i costi di gestione delle linee che restano significativi. E un motivo c’è. La Spagna ha la più vasta rete in Europa di linee AV, forse non tutte strettamente indispensabili, che ormai raggiungono i 3800 km, realizzate sfruttando al massimo i fondi comunitari a tal punto che quasi la metà (47,3%) del totale delle risorse europee è andata al paese iberico. Il cofinanziamento ha raggiunto il 26%, il maggiore in tutta Europa.

Finora l’attenzione dei gestori europei della rete è stata concentrata soprattutto nello studio dell’aggressività dei pesanti treni merci sull’armamento ferroviario delle linee AV, cioè sullo stress causato a binari, traversine e pietrisco. La Svizzera, per esempio ha dovuto accelerare la sostituzione dell’armamento sulla variante veloce a traffico misto tra Berna e Olten. Anche per questo motivo in Italia la rete ad alta velocità, pur avendo caratteristiche adatte al traffico merci, è sempre stata riservata solo ai treni passeggeri, con l’unica eccezione della Bologna-Firenze, prenotata da ISC di notte esclusivamente per sfruttare le più favorevoli condizioni delle gallerie, adatte al transito dei convogli intermodali a grande sagoma, in attesa di adeguare la rete storica.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 Podcast: Covid-19 visto dall’autotrasporto del sud

    K44 Podcast: Covid-19 visto dall’autotrasporto del sud

    Il podcast K44 La voce del trasporto racconta in questo episodio come un autotrasportatore artigianale pugliese ha vissuto la prima fase della pandemia di coronavirus, tra difficoltà a trovare le protezioni ai maggiori costi per la sicurezza fino ai ritardi nei pagamenti.

Logistica

  • Lannutti acquista 60mila mq a Fossano per logistica

    Lannutti acquista 60mila mq a Fossano per logistica

    La società di logistica e autotrasporto Lannutti ha concluso l’acquisizione dell’ex stabilimento Michelin di Fossano, in provincia di Cuneo, per servire l’intera provincia. L’impianto è già raccordato alla ferrovia.

Mare