Array ( [0] => 12 [1] => 24 )

Primo piano

  • Come chiedere gli incentivi per acquisto camion nel 2020 e 2021

    Come chiedere gli incentivi per acquisto camion nel 2020 e 2021

    La Gazzetta Ufficiale numero 206 del 19 agosto 2020 ha pubblicato il Decreto del ministero dei Trasporti del 7 agosto 2020 che stabilisce tempi e modi per ottenere i contributi per l’acquisito di veicoli industriali a basso impatto ambientale e gli equipaggiamenti per il trasporto intermodale nel biennio 2020-2021.

Podcast K44

Normativa

Germania e Iru spingono per revisione eurovignetta camion

A settembre, decine di autotrasportatori che operano in Germania hanno ricevuto una doccia fredda dalla richiesta, pena procedura d’infrazione, al Governo tedesco di non protrarre l’esenzione del Maut (il pedaggio per i veicoli industriali) ai camion alimentati con gas naturale liquefatto. La richiesta è arrivata dopo che il Parlamento tedesco aveva prorogato il beneficio dal 2020 al 2023. Bruxelles ricorda che l’attuale Direttiva sull’eurovignetta, su cui si basa il Maut tedesco, permette una riduzione massima del 50% e non un’esenzione totale (salvo approvazione della Commissione, che la ha data alla Germania appunto sino alla fine del 2020). Tra l'emanazione della proroga e la comunicazione di Bruxelles, però, diverse imprese di autotrasporto hanno ordinato camion a gas naturale liquefatto, contando proprio su tre anni di esenzione.

Dopo avere ricevuto la lettere dalla Commissione, il ministro dei Trasporti tedesco Andreas Scheuer ha avviato una campagna per modificare la Direttiva sull’eurovignetta (di cui si sta già discutendo in sede comunitaria) col fine di favorire i veicoli a basso impatto ambientale, compresi quelli alimentati con gas naturale. Il ministro presenterà le sue proposte al Consiglio dei ministri dei Trasporti dell’otto dicembre, ma già sono in corso trattative con i Governi e i gruppi d’interesse.

La Commissaria europea ai Trasporti, Adina Valean, ha dichiarato che la Commissione è interessata alle trattative sulla modifica dell’eurovignetta, condividendo che la nuova Direttiva deve fornire incentivi per la riduzione delle emissioni inquinanti del trasporto ma ribadendo che quella attuale non permette norme come quelle tedesche. Valean ha aggiunto che i veicoli a gas naturale liquefatto non sono comunque privi completamente di emissioni di CO2, quindi dovrebbero beneficiare di una riduzione proporzionata alle loro emissioni.

Il dibattito sui camion a gas naturale liquefatto è aperto nella stessa Germania, con le società di trasporto ferroviario e alcuni costruttori di veicoli industriali (come Daimler) che si sono dichiarati contrari alla totale esenzione del pedaggio, seppur per motivi diversi: i primi per timore di spostamenti di flussi dalla rotaia alla strada, i secondi perché hanno deciso di puntare sulla trazione elettrica. La questione è quindi ancora aperta e nel dibattito s’inserisce anche l’unione mondiale dell’autotrasporto Iru, che ha scritto alla Commissione Europea.

L'Iru afferma che non è corretto basare la differenza delle tariffe solo sulla quantità di CO2 che esce dallo scarico dei veicoli perché ciò porterebbe benefici solo ai camion elettrici alimentati a batteria “che non sono ancora un’opzione valida per l’autotrasporto sulla lunga distanza”. L’associazione aggiunge che “gli operatori del trasporto chiedono un quadro politico tecnologicamente neutrale che sostenga tutti i combustibili alternativi, compreso il gas naturale e in futuro l’idrogeno”. L’approccio deve essere “dal pozzo alla ruota”, ossia comprendere l’intera filiera di produzione dell’energia e deve evitare sistemi come lo scambio di quote di CO2 nella tassazione dei carburanti.

L’Iru aggiunge che “la nuova Direttiva sull’eurovignetta dovrebbe essere utilizzata principalmente per incentivare l'introduzione di tecnologie più pulite ed efficienti nel settore del trasporto commerciale su strada, invece di rendere il trasporto commerciale su strada più costoso o di sovvenzionare in modo trasversale modi di trasporto non stradali”. L’associazione chiede anche che la soglia minima per applicare l’eurovignetta sia portata dalle attuali 3,5 tonnellate di massa complessiva a 2,5 tonnellate, per garantire la compatibilità con il Primo Pacchetto Mobilità.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Il costruttore tedesco Krone presenta una piccola unità di carico che si può trasportare con veicoli da 3,5 tonnellate, destinata alla distribuzione nell'ultimo miglio in ambito urbano.

Logistica

  • Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Il Gruppo ferrovie dello Stato sta valutando l’idrogeno come alimentazione alternativa al gasolio nei locomotori che non si possono collegare alla rete elettrica. Firmato un protocollo di ricerca con Snam.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.