Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Ferrovie da adeguare per porto di Savona Vado


La sfida del nuovo terminal portacontainer di Savona Vado operativo con la prima fase a dicembre 2019, non può che trovare come contropartita il potenziamento della rete ferroviaria. Per questo motivo la regione Piemonte ha deciso di investire sulle linee più strettamente coinvolte nello scalo portuale ligure e nel suo naturale entroterra logistico piemontese. Per questo ha deciso di ricorrere al Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020 (FSC) per trovare le risorse necessarie. Da questa "cassaforte" usciranno 14 milioni di euro destinati a potenziare le linee Torino-Savona (in particolare la tratta da Fossano a San Giuseppe di Cairo), Fossano-Cuneo e Cuneo-Saluzzo.
Sono previsti interventi esclusivamente nell'ottica di favorire i trasporti merci. Il finanziamento riguarda la progettazione e i successivi interventi per l'adeguamento del carico assiale alla massima categoria, vale a dire quella classificata D4 che consente il transito di un convoglio merci con una massa per asse fino a 22,5 tonnellate (e il valore più alto di massa per metro corrente). Attualmente invece le linee interessate da questo progetto presentano limitazioni che non consentono il transito di treni pesanti o prevedono prescrizioni restrittive. Contestualmente a questi interventi si prevede anche la soppressione di due passaggi a livello a Racconigi e a Cavallermaggiore. Questo perché nonostante gli investimenti fatti nel corso degli anni, restano ancora numerosi gli attraversamenti stradali a raso da sostituire con opere di scavalco o sottopasso. Tra Torino e Fossano si contano dieci passaggi a livello in tutto (due dei quali saranno ora soppressi) e tre tra Fossano e San Giuseppe di Cairo.
Questi interventi hanno come obiettivo quello di valorizzare la vocazione logistica del Piemonte con un occhio attento anche all'interporto di Torino Orbassano ancora alla ricerca di un suo ruolo nonostante l'insediamento sia avvenuto a partire dai primi anni Ottanta. E si pensa a metterlo in rete con il nuovo Savona Vado Gateway che accoglierà la prima portacontainer a dicembre 2019, potenzialmente adatto anche alle navi di ultima generazione da 22mila teu.
L'adeguamento merci delle linee prima indicate è solo un tassello di un programma di potenziamento di ben più vasta portata in Piemonte. Il piano commerciale della rete ferroviaria statale (Rfi) prevede come prima fase entro il 2021 la realizzazione di un nuovo sistema di comando e controllo per gestire la Torino-Genova tra Trofarello e Alessandria. In un orizzonte più lungo, vale a dire 2022-2026, il rinnovo completo degli apparati di comando con posa di fibra ottica tra Carmagnola e San Giuseppe di Cairo. Contestualmente dovrebbero essere realizzate anche due varianti di tracciato a Castello d'Annone e Alessandria.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.