Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Ferrovia sottomarina tra Finlandia ed Estonia


Congiungere la Finlandia con l'Estonia e quindi direttamente con il cuore dell'Europa orientale, cancellando idealmente l'attuale braccio di mare che divide il paese scandinavo da quello baltico. L'idea non è nuova, anzi è stata ipotizzata già nei primi anni 2000, ma solo ora ha fatto formalmente un passo in avanti, guarda caso con l'ennesima promessa di investimento cinese nel contesto di Belt and Road. Si tratta di realizzare un tunnel ferroviario sottomarino e precisamente sotto il Golfo di Finlandia per collegare la capitale Helsinki con Tallinn, entrambe affacciate sul mare e dove partono tutti i traffici attuali via traghetto. Il gruppo Touchstone Capital Partners che mette insieme una serie di società statali cinesi e diversi operatori finanziari internazionali ha preannunciato la possibilità di un finanziamento di 15 miliardi di euro per realizzare questo corridoio. A questi fondi dovrebbero aggiungersi altre risorse, non ultime quelle dell'Unione Europea.
La galleria sottomarina tra Helsinki e Tallinn chiamata anche Talsinki Tunnel dall'unione dei nomi delle due capitali, sarà un tracciato lungo circa 100 km considerando anche l'allacciamento alla rete ferroviaria esistente. I benefici di questo collegamento sono fuori discussione. Attualmente i traghetti tra Helsinki e Tallinn impiegano due ore nelle relazioni più veloci ad attraversare il Golfo di Finlandia, mentre per i servizi cargo le percorrenze sono anche più lunghe. Con il tunnel sottomarino i tempi si ridurrebbero drasticamente sia per i passeggeri sia per le merci. Non è neppure da prendere in considerazione l'opzione stradale attraverso la Russia perché in questo caso i chilometri da percorrere sarebbero circa 800. I costi stimati per la realizzazione del nuovo collegamento sono compresi in una forbice tra i 15 e i 20 miliardi di euro.
I benefici economici sarebbero significativi sia in termini di maggiori collegamenti e soprattutto di integrazione economica (l'esempio della regione Øresund tra Danimarca e Svezia lo sta a dimostrare), ma anche in un più ampio contesto di relazioni tra la penisola scandinava e gli stati baltici, tra il nord e il resto dell'Europa integrandosi nel progetto già avviato e conosciuto come Rail Baltica. In funzione di quest'ultimo corridoio sono state stabilite anche le caratteristiche tecniche del tunnel Talsinki perché si è scelto di utilizzare lo scartamento ferroviario internazionale di 1.435 mm, mentre attualmente sia la Finlandia sia l'Estonia per ragioni storiche e politiche utilizzano lo scartamento largo tipico della Russia. Solo integrando il nuovo tracciato con Rail Baltica a scartamento normale si crea un corridoio che attraversando le tre repubbliche baltiche arriva in Polonia.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.