Array ( [0] => 26 [1] => 14 )

Primo piano

  • K44 podcast: scudo contro mancati pagamenti nell’autotrasporto

    K44 podcast: scudo contro mancati pagamenti nell’autotrasporto

    Oltre la metà degli imprenditori italiani teme il mancato pagamento delle fatture, un problema molto sentito dagli autotrasportatori. Ne parla in questo podcast di K44 con Domenico Schiavone, direttore commerciale di Teleroute in Italia che offre uno scudo contro questo rischio.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Autotrasporto

    Terminali Italia contesta un articolo sullo scalo di Marzaglia

    Dopo la pubblicazione dell’articolo del 23 agosto 2021 sul terminal di Marzaglia, Terminali Italia (società terminalista controllata da Rete Ferroviaria Italiana, del Gruppo Ferrovie Italiane) ha scritto alla redazione di TrasportoEuropa, tramite la responsabile commerciale Federica Ceccato. Nell’introduzione si legge che nell’articolo si “evincono molte imprecisioni, falsità e soprattutto strumentalizzazioni che Terminali Italia non ha gradito”, chiedendo di rettificare alcuni contenuti. Riportiamo le richieste della società, con le precisazioni della redazione.

    Per la frase “Dopo una lunga gestazione e un avvio tutt’altro che brillante”, Terminali Italia chiede di giustificare tale opinione. Risponde l’autore dell’articolo, Piermario Curti Sacchi: “Secondo i progetti originali, il via allo scalo di Marzaglia era previsto per il 2004. I lavori, con committente Rfi, sono iniziati ai primi di ottobre 2005. L’apertura all’esercizio ferroviario era prevista per fasi, ma tra lo stop ai cantieri e difficoltà burocratiche i cantieri si sono trascinati per anni, a tal punto che il primo treno, che di fatto ha suggellato l’operatività dello scalo, è arrivato solo nel gennaio 2019, quindi a quasi 14 anni dal primo tradizionale colpo di piccone. Si tratta di una classica storia all’italiana, che tra progetti, reperimento dei finanziamenti e lavori comporta un allungamento dei tempi a discapito della funzionalità della struttura. Fortunatamente Marzaglia, la cui operatività ora tutti riconoscono, è una storia di successo. Ma non sempre in passato in casa delle Ferrovie gli investimenti sono stati altrettanto oculati. Come non ricordare il buco nero di Domo II, uno scalo costato circa 500 miliardi di lire al contribuente italiano, realizzato quando tutti i presupposti erano venuti meno e che solo ora riesce parzialmente a trovare un suo ruolo, o il Parco Roja a Ventimiglia addirittura riconvertito ad altri usi urbanistici”.

    Per la frase “nato come scalo tradizionale per il trasporto a carro di materie prime come l’argilla per l’industria delle piastrelle”, Terminal Italia afferma: “Il terminal non è stato costruito per il traffico convenzionale, ma circa 3 anni fa sono stati appoggiati dei treni di con quel tipo di traffico prima che a Terminali Italia fosse affidata la gestione; inoltre, questi treni di convenzionale sono stati appoggiati perché nei terminal limitrofi, dedicati al traffico convenzionale, non avevano trovato spazio. Il terminal di Marzaglia è un terminal intermodale”. Che il terminal di Marzaglia sia stato concepito anche per il trasporto intermodale TrasportoEuropa lo ha scritto in questo articolo del 16 gennaio 2019 riportando le dichiarazioni dell’allora sottosegretario ai Trasporti Michele Dall’Orco (mai smentite) secondo cui: “Rete Ferroviaria Italiana ci ha infatti confermato che l'attivazione della prima fase, ossia di tre binari destinati a traffici di tipo tradizionale, è avvenuta a fine dicembre 2018 e l'avvio del servizio da parte dell'impresa ferroviaria DB Cargo è previsto a partire da inizio gennaio". Nello stesso articolo, il sottosegretario aggiunge che "il gestore dell'infrastruttura ci ha anche confermato che i lavori per l'attivazione della seconda fase, che prevede altri quattro binari destinati a traffici di tipo combinato, procedono regolarmente e hanno come orizzonte temporale dicembre 2019". Quindi ciò che è scritto nel nostro articolo è conforme alla realtà, ossia nella prima fase il terminal ha iniziato l’attività (“è nato”) nel trasporto convenzionale (di cui riferisce l’articolo del 16 gennaio 2019) e poi ha avviato quella dei container (come riferisce l’articolo di TrasportoEuropa del 27 gennaio 2021). Quindi i lettori di TrasportoEuropa sono stati informati in modo tempestivo, completo e corretto sull’intera evoluzione del terminal di Marzaglia e tali informazioni non contrastano con quelle dell’articolo del 23 agosto 2021.

    Per la frase “secondo fonti Terminali Italia” la società scrive: “Sono l’unica deputata a rilasciare dichiarazioni alla stampa e non sono stata contattata dalla sua redazione, quindi chi sono le fonti di Terminali Italia? Sono forse delle chiacchiere da bar?”. In questo caso la fonte è la serie di slide che hanno illustrato l’intervento dell’amministratore delegato di Terminali Italia, Giuseppe Acquaro, all’evento organizzato il 9 luglio 2021 dal Collegio Ingegneri Ferroviari, che si poteva seguire anche online e che si trovano all’indirizzo http://www.cifi.it/UplDocumenti/Bologna09072021/Slide%20Acquaro.pdf.

    Riguardo alla frase “c’è l’obiettivo di sviluppare anche servizi intermodali terrestri verso il nord Europa”, Terminali Italia scrive: “Lo sviluppo del traffico verso il nord Europa è già attivato da Gennaio 2021 e dal prossimo mese ci sarà un forte incremento, ergo supereremo di gran lunga le previsioni fatte dal suo giornalista….”. TrasportoEuropa ha scritto dell’avvio del treno container per Lubecca nel citato articolo del 27 gennaio 2021. Nella slide numero 11 dell’intervento di Acquaro si legge: “Attivazione novembre 2020. In poco meno acquisiti traffici marittimi per un totale di 30 coppie/week (da settembre 2022). Stiamo sviluppando anche una quota di produzione intermodale terrestre verso il nord Europa. Produzione prevista per il 2021: 70.000 TEU (circa 2000 treni/anno con un abbattimento di CO2 pari a circa 22 mln di CO2/anno)”. Questi sono esattamente i concetti riportati nell’articolo.

    Riguardo all’intero ultimo paragrafo dell’articolo: “Resta per ora solo un’idea, per la scarsa sensibilità politica verso questo progetto, l’ipotesi di un collegamento ferroviario diretto ed elettrificato con la vicina Dinazzano in modo da mettere in rete le piattaforme merci dell’area reggiano-modenese che comprendono anche il terminal di Rubiera. Dinazzano Scalo, ubicato nel comune di Casalgrande, insieme allo scalo ferroviario merci di Guastalla San Giacomo, sono gestiti da Dinazzano Po, la società costituita nel 2002 dall’Azienda dei trasporti di Reggio Emilia, oggi Tper, che nel 2012 ha conseguito anche la licenza di impresa ferroviaria merci. In forte sviluppo, ha arricchito il proprio parco con l’acquisizione di moderni e potenti locomotori da manovra prodotti dalla società ceca Cz Loko. Ciò ha reso possibile la cessione dei mezzi, ormai inadeguati, utilizzati nella prima fase operativa”, Terminali Italia scrive: “Se quello che si voleva evidenziare è il contenuto delle ultime 4 righe, l’articolo poteva essere scritto senza vomitare inesattezze e strumentalizzando i lettori, la vostra redazione si sarebbe potuta rivolgere a Terminali Italia e si sarebbe fatto un articolo credibile e di effetto”. A prescindere dal fatto che questo testo non si riferisce ad attività di stretta competenza di Terminali Italia, ma a scelte politiche ed eventualmente ad altre società, il fatto che sia posto alla fine dell’articolo mostra chiaramente che non è quello che l’autore voleva evidenziare. Che poi manchi la volontà politica di realizzare tale intervento è un dato incontrovertibile, poiché non è stato ancora avviato.

    Tutto ciò mostra che le informazioni dell’articolo sono tutt’altro che “false e imprecise” e che l’autore non “vomita inesattezze” e non “strumentalizza i lettori” (per quale fine non si comprende), perché provenienti da fonti primarie e pubbliche, una delle quali è lo stesso amministratore delegato della società. Ovviamente in futuro, se e quando lo riterremo utile ai fini dell’articolo, ci rivolgeremo anche all’ufficio commerciale di Terminali Italia. Ci spiace che Terminali Italia non abbia gradito questo articolo, ma lo scopo dei nostri articoli non è il gradimento delle società di cui parliamo, bensì un’informazione corretta e tempestiva per tutti gli operatori del settore.

    Michele Latorre

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Sponsorizzato

K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros

TECNICA

K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros
Iveco sospende la produzione per carenza di componenti

TECNICA

Iveco sospende la produzione per carenza di componenti
Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T
Fassi presenta la gru elettrica per camion

TECNICA

Fassi presenta la gru elettrica per camion
Il primo passo d’Iveco Group è il nuovo logo

TECNICA

Il primo passo d’Iveco Group è il nuovo logo
previous arrow
next arrow
L’idrogeno diventa realtà sui locomotori da manovra

LOGISTICA

L’idrogeno diventa realtà sui locomotori da manovra
Incendio distrugge la logistica di Sapa ad Airola

LOGISTICA

Incendio distrugge la logistica di Sapa ad Airola
Bimodale fiume-bici per le consegne a Lione

LOGISTICA

Bimodale fiume-bici per le consegne a Lione
Le cinque professioni più richieste nella logistica

LOGISTICA

Le cinque professioni più richieste nella logistica
Pronto software per verifica del Green Pass nelle aziende

LOGISTICA

Pronto software per verifica del Green Pass nelle aziende
previous arrow
next arrow
Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale

BREXIT

Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale
Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB

BREXIT

Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

BREXIT

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB

BREXIT

Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB
I militari guidano le autocisterne britanniche

BREXIT

I militari guidano le autocisterne britanniche
previous arrow
next arrow
Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni

CAMIONSFERA

Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni
Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass

CAMIONSFERA

Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass
Iveco sospende la produzione per carenza di componenti

CAMIONSFERA

Iveco sospende la produzione per carenza di componenti
La Germania sta reclutando autisti che lavorano in Italia?

CAMIONSFERA

La Germania sta reclutando autisti che lavorano in Italia?
Hupac conquista il controllo del terminal di Novara

CAMIONSFERA

Hupac conquista il controllo del terminal di Novara
Binario morto per la variante ferroviaria di Trento?

CAMIONSFERA

Binario morto per la variante ferroviaria di Trento?
Arrestato un rapinatore di camion ad Andria

CAMIONSFERA

Arrestato un rapinatore di camion ad Andria
Allarme sul Green Pass per il trasporto delle merci

CAMIONSFERA

Allarme sul Green Pass per il trasporto delle merci
Nuova ferrovia di Koper parte al rallentatore

CAMIONSFERA

Nuova ferrovia di Koper parte al rallentatore
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

CAMIONSFERA

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Multa di 4500 euro per manomissione limitatore di velocità

CAMIONSFERA

Multa di 4500 euro per manomissione limitatore di velocità
Sequestrati 28 distributori di gasolio a Mantova

CAMIONSFERA

Sequestrati 28 distributori di gasolio a Mantova
Rinviata l’applicazione dei nuovi programmi per la Cqc

CAMIONSFERA

Rinviata l’applicazione dei nuovi programmi per la Cqc
K44 podcast, come cambierà il pedaggio europeo

CAMIONSFERA

K44 podcast, come cambierà il pedaggio europeo
Polstrada contro le frodi ai pedaggi in Friuli VG

CAMIONSFERA

Polstrada contro le frodi ai pedaggi in Friuli VG
previous arrow
next arrow