Array ( [0] => 26 [1] => 14 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

In cantiere mega terminal intermodale tra Ungheria e Ucraina

Sulla spinta della nuova Via della Seta, ma non solo, il sistema ferroviario dell'Est Europa sta conoscendo una stagione di forte sviluppo. In questo quadro rientra la costruzione di un nuovo terminal intermodale sulla rotta tra l’Ungheria, l’Ucraina e quindi la Russia. L’infrastruttura, conosciuta come East-West Gate (Ewg), sorgerà a Fényeslitke nel nord-est dell’Ungheria e sarà la maggiore piattaforma logistica in quest’area geografica sempre più cruciale nelle relazioni transcontinentali. Il progetto è supportato da una società privata costituita nel 2018 che investe in quest’opera una sessantina di milioni di euro con un contributo pubblico di otto milioni. Il taglio del nastro è previsto entro la fine di gennaio 2022.

L’area di interscambio avrà una superficie di 850mila metri quadri con un polo logistico di magazzini di stoccaggio per 15mila metri quadri iniziali, ma con ampie possibilità di estensione. La capacità annuale del terminal dotato delle più avanzate tecnologie sarà di un milione di teu. Lo scalo inizierà a operare con una gru a portale su un binario lungo 850 metri ma si prevede già di incrementare le potenzialità con l’inserimento di una seconda gru su tre binari di smistamento adatti a ricevere treni completi di 740 metri, secondo lo standard europeo. Le gru potranno operare su container da 45” mentre per la gestione dei semirimorchi sono previsti caricatori mobili e trattori per la movimentazione.

Una delle caratteristiche del terminal sarà di poter ricevere treni merci dotati di carri sia a scartamento largo, secondo lo standard russo adottato in Ucraina, sia a scartamento internazionale diffuso in tutta l’Europa con la sola esclusione della Penisola iberica. Questo facilita le operazioni di smistamento.

Il transito attraverso l’Ucraina sulla rotta Komorò-Zàhony-Chop avvantaggia soprattutto i paesi dell’Europa centrale e sudorientale. Il percorso dalla Cina alla Slovacchia, all’Ungheria, ai paesi baltici, ma anche all’Italia attraverso l’Ucraina è più breve e tendenzialmente il più economico, anche se finora i trasporti hanno privilegiato soprattutto l’itinerario attraverso la Polonia. Da questo punto di vista, la società statale Ukrzaliznycja (Ukrainian Railways) gestisce una rete sviluppata di treni container a tal punto che il 55% dei contenitori esportati e importati dal paese transita su rotaia.

Dal canto suo, l’Ungheria ha avviato da tempo un vasto programma di potenziamento e ammodernamento della propria rete ferroviaria. La principale relazione verso est, tra l'ungherese Lökösháza e la romena Curtici, è stata la prima a essere adeguata ed elettrificata per essere utilizzata soprattutto nelle relazioni ferroviarie merci. Dopo la tratta centrale che dalla capitale Budapest raggiunge l’importante nodo di Püspökladány, sono in corso i lavori fino a Biharkeresztes, vicino al confine romeno verso Oradea nella regione della Transilvania. Lunga poco più di 55 km, la linea viene ricostruita in modo da sopportare carichi fino a 22,5 tonnellate per asse, adatta quindi al transito dei convogli merci pesanti ed elettrificata con il moderno sistema a 25 kV e frequenza industriale e con segnalamento europeo Ertms/Etcs.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

    L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

    Oltre cinquanta veicoli industriali scozzesi hanno manifestato a Londra, sotto la sede del Governo, per protestare contro le norme successive alla Brexit che ostacolano l’esportazione di prodotti ittici.

Mare

TECNICA

Gli Usa si preparano alla guida autonoma dei camion

TECNICA

UE finanzia con 20 milioni il camion autonomo

TECNICA

Uber vende la divisione sulla guida autonoma

TECNICA

Ford Trucks amplia la gamma dei camion in Italia

TECNICA

Appare il prototipo del Nikola Tre costruito in Europa
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Amazon aprirà due logistiche in Piemonte ed Emilia

LOGISTICA

Voli cargo a zero emissioni tra Europa e Nord America

LOGISTICA

In fiamme piattaforma logistica di Amazon a Milano

LOGISTICA

Total ed Engie produrranno idrogeno da fonti rinnovabili in Francia

LOGISTICA

Grendi potenzia logistica e rotte per la Sardegna
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

BREXIT

La Brexit ostacola il trasporto espresso verso la Gran Bretagna

BREXIT

Primi problemi per l’autotrasporto dopo la Brexit

BREXIT

Aumentano i prezzi dell’autotrasporto per la Gran Bretagna

BREXIT

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Chiesto processo per due camionisti per investimento su A2

CAMIONSFERA

K44 podcast: la grande trappola del Kent

CAMIONSFERA

Sindacati francesi mobilitano gli autisti di veicoli industriali

CAMIONSFERA

Scoperti 22 kg di cocaina su un camion bulgaro

CAMIONSFERA

Italia e Germania alleate contro i divieti dell’Austria

CAMIONSFERA

Il mercato dei veicoli industriali limita le perdite del 2020

CAMIONSFERA

Il britannico Consortium Purchasing ordina 2250 camion Scania

CAMIONSFERA

Sequestrato un panino al prosciutto a camionista proveniente da GB

CAMIONSFERA

Massicci investimenti delle ferrovie russe sull’asse Europa-Asia

CAMIONSFERA

Consegnati in Italia i primi nuovi Scania V8 da 770 CV

CAMIONSFERA

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia

CAMIONSFERA

Il Salone del trasporto per l’edilizia è rinviato al 2023

CAMIONSFERA

Multa di 9700 euro in Danimarca per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Aspi estende chiusura caselli Genova fino a 11 gennaio

CAMIONSFERA

CNH tratta con la cinese FAW per la vendita d’Iveco
previous arrow
next arrow
Slider